Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione dell’1 luglio 2021

TG POL 1 luglio-min
Entra in vigore da oggi il green pass e il tentativo di mediazione di Luigi Di Maio a colloquio con Giuseppe Conte tra le notizie di oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

DRAGHI, IN ITALIA TORNA IL GUSTO DEL FUTURO

Torna a prevalere il gusto del futuro, in Italia c’è maggiore fiducia. Il presidente del consiglio Mario Draghi e’ ottimista sulla ripresa post Covid. “L’economia è ripartita, le stime della crescita saranno riviste in rialzo”, dice all’accademia dei Lincei, che gli ha conferito il premio Feltrinelli. Dal premier arriva tuttavia l’invito a non abbassare la guardia. Le varianti del Covid sono pericolose, spiega, e se torneranno a produrre conseguenze sull’economia, il governo e’ pronto a intervenire. Draghi torna sul concetto di ‘debito buono’, quello che favorisce investimenti produttivi. Su questo il governo mantiene un ruolo cruciale. Sulla situazione post covid e’ intervenuto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, sottolineando la necessita’ di rimuovere le disparita’ sociali, “Nel corso della pandemia sono emerse in maniera ancora piu’ grave”, dice il Capo dello stato. 

DECOLLA IL GREEN PASS, SIMBOLO DELL’EUROPA APERTA

Entra in vigore oggi il green pass, la certificazione verde per viaggiare in Europa senza bisogno di fare tamponi o quarantene. Il lasciapassare è a disposizione di chi ha completato il ciclo vaccinale, è guarito dal Covid o è in possesso di un test negativo. La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, annuncia che ne sono stati scaricati già oltre 200 milioni. Il green pass, sottolinea, è “il simbolo dell’Europa aperta”. La presidente della Bce, Christine Lagarde, intanto, nel corso di una audizione a Bruxelles, lancia l’allarme sui bilanci delle imprese, indebitate a causa della pandemia. Lagarde si rivolge ai governi e alle banche chiedendo di non far fallire le aziende sane.

M5S, DI MAIO TENTA LA MEDIAZIONE

Colloquio di un’ora questa mattina tra Luigi Di Maio e Giuseppe Conte nell’appartamento romano dell’ex premier. Il ministro degli Esteri sta tentando una riconciliazione in extremis tra il garante del M5s Beppe Grillo e lo stesso Conte. Dopo le polemiche dei giorni scorsi, c’è ancora chi spera in un epilogo che eviti la scissione. Secondo alcuni infatti, l’ultimo video dell’ex comico, in cui si definisce il ‘papà affettuoso’ del Movimento, ci sarebbe ancora la possibilità che le parti possano venirsi incontro. A spendere parole di ottimismo e’ anche la sindaca di Roma, Virginia Raggi. “Sono due persone che stimo- dice la prima cittadina- questo momento complesso si riuscirà a ricomporre”.

COVID, AFRICA A RISCHIO

Preoccupa la diffusione del Covid in Africa. Solo nell’ultima settimana l’incidenza di nuovi contagi registrati è cresciuta del 33% ogni 100mila abitanti, con un aumento del 42% della mortalità per un totale di quasi 180mila nuove persone infette. È la denuncia lanciata oggi da Oxfam e da Emergency, attraverso la testimonianza diretta dei propri operatori sul campo in due Paesi allo stremo come Uganda e Sudan. Il continente sta registrando circa un milione di nuove infezioni ogni 68 giorni. “Ora la situazione è drammatica”, dicono i responsabili di Emergency in Uganda e di Oxfam Italia in Sudan. Proprio i casi di Uganda e Sudan mettono a nudo la debolezza dell’iniziativa Covax promossa dall’Organizzazione mondiale della sanita’. Il Sudan ha chiesto 17 milioni di dosi di vaccino. Ma al 30 giugno ne sono state somministrate meno di 700mila.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»