Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, quattro consiglieri comunali lasciano il M5s: “Per Raggi la colpa era sempre degli altri”

virginia raggi
Donatella Iorio, Angelo Sturni, Enrico Stefàno e Marco Terranova fondano il gruppo 'Il piano di Roma' e attaccano la sindaca uscente. Mentre la Lega le chiede di dimettersi e minaccia di presentare una mozione di sfiducia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ho appena protocollato la mia richiesta di uscita dal M5s. Mi sono anche disiscritta dal Movimento. Dichiaro anche che nasce oggi un nuovo gruppo in Assemblea che si chiama ‘Il piano di Roma’“. Così la consigliera comunale di Roma Donatella Iorio, all’inizio della seduta odierna dell’Assemblea Capitolina. Insieme a Iorio, nel nuovo gruppo entreranno anche Angelo Sturni, Enrico Stefàno e Marco Terranova.

TERRANOVA: “IL MIO RIFERIMENTO È IL GOVERNO CONTE”

“Anche io lascio il M5s. Mi sono disiscritto dal Movimento e ho protocollato la richiesta di istituzione del nuovo gruppo”, ha annunciato Marco Terranova, che ha poi spiegato le motivazioni che lo hanno spinto ad aderire al gruppo ‘Il piano di Roma’. “Credo che questa città abbia bisogno di un fronte unito di tutte le forze politiche che vogliono il bene della città. Lo dicono tutti i partiti ma per intenti e collocazione politica ci identifichiamo in una parte, quella delle forze progressiste. Su questo il Movimento ha perso un’occasione qui a Roma. Il mio riferimento è quello del Governo Conte. Quella è la soluzione per mettere insieme le forze per trovare le soluzioni anche per la città”.

STEFANO: “NON HO RAMMARICHI, PER RAGGI LA COLPA ERA SEMPRE DI QUALCUN ALTRO”

Il consigliere Enrico Stefàno, dopo aver ricordato che “per me questa è una giornata speciale: esattamente 8 anni fa sedevo per la prima volta in questa straordinaria aula“, ha preso la parola per attaccare l’amministrazione guidata da Virginia Raggi. “Aderisco al ‘Piano di Roma’ e lascio il M5s, senza alcun rammarico. Sono sempre stato una voce critica ma leale, invece il Movimento ha preso una deriva nell’ultimo periodo: non mi piace la retorica del ‘va tutto bene’ e ‘se non va bene è sempre colpa di qualcun altro’: la Regione, il buco nei bilanci, la Mafia, il dipartimento, gli uffici, il gruppo comunicazione che ha sbagliato il post… Io penso che chi ricopre alcuni ruoli debba ogni tanto prendersi delle responsabilità e alimentare un sano dibattito interno e anche esterno verso la città. Ma tutto questo non è avvenuto”. Stefàno ha poi ricordato che “alcuni temi cruciali sono stati trattati in maniera amministrativa: penso al Recovery Fund o a come Raggi si sia ripresentata. È stata data priorità ai like invece che al merito e alle competenze e non si sono valorizzati i ruoli dove si fa politica, come le commissioni. L’aula, infine, è stata trattata come un luogo di passacarte“. E il consigliere comunale ci ha anche tenuto a precisare che alla base della sua scelta non ci sono fini utilitaristici: “Personalmente ricordo che non sarò della prossima tornata elettorale. Non ho quindi altre finalità”.

STURNI: “SPESSO CI SIAMO RITROVATI ALL’ULTIMO A RATIFICARE PROVVEDIMENTI”

“Comunico la mia uscita dal M5s e quindi anche dal gruppo consiliare. La nostra attività come consiglieri capitolini si è sempre distinta per correttezza e rispetto, anche con gli altri colleghi. Credo che l’Assemblea abbia lavorato bene sui provvedimenti di iniziativa consiliare ma spesso ci siamo ritrovati all’ultimo momento a ratificare altri provvedimenti”. Così il consigliere comunale di Roma, Angelo Sturni, all’inizio della seduta odierna dell’Assemblea Capitolina.

LA LEGA ATTACCA: “È IL FALLIMENTO DI RAGGI, SI DIMETTA O PRESENTEREMO MOZIONE DI SFIDUCIA”

“Con l’ufficializzazione dell’uscita di altri 4 consiglieri dal M5s, si certifica il fallimento di Virginia Raggi. Per dignità prenda atto della situazione e rassegni le dimissioni. In caso contrario, con gli altri gruppi di opposizione, provvederemo a presentare un’urgente mozione di sfiducia. Non si può lasciare la città in agonia, solo per brama di potere”. Lo hanno scritto in un comunicato Maurizio Politi, capogruppo Lega in Assemblea Capitolina, e Davide Bordoni, consigliere Lega e segretario d’Aula.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»