Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bolidi a Modena per il Motor Valley Fest: “Acceleriamo per ripartire”

motor valley fest modena
La terza edizione della kermesse deicata all'automotive ha acceso i motori questa mattina
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MODENA – Luccicano i bolidi sotto al sole di Modena, dove è partita questa mattina la terza edizione del Motor Valley Fest. Dopo gli onori di casa a cura del generale Rodolfo Sganga, comandante dell’Accademia militare che ospita il convegno inaugurale del Fest, e dove ad esempio svetta questa mattina la nuovissima Ferrari 296 GTB, presentata il 24 giugno, il sindaco Gian Carlo Muzzarelli fa ricorso spesso alla metafora “spingiamo sull’acceleratore”, evidenziando: “Guardiamo al futuro e facciamo il punto sull’automotive dopo tutto quello che abbiamo vissuto negli ultimi 12 mesi. Questo momento oggi non era scontato, ora continuiamo ad accelerare a favore di turisti e addetti ai lavori, appassionati e cittadini. Modena conferma il suo ruolo storico di capitale dei motori, abbiamo tutti i grandi marchi con noi anche quest’anno. E ricordo- puntualizza Muzzarelli aprendo il festival dei motori- che il sistema automotive nel territorio emiliano vale un patrimonio di 140.000 posti di lavoro. Quindi, senza strafare, guardiamo avanti procedendo un passo alla volta, come per arrivare in cima ad una montagna”.

Ma il Fest, che di fatto raccoglie dal 2019 l’eredità del vecchio Motor Show, non è solo una vetrina, “perché qui ci si mette in gioco anche con i giovani: saranno infatti protagonisti a questa edizione, in tutto, 40 Università e laboratori di ricerca, oltre a 60 startup e incubatori“, precisa il primo cittadino.

Tra i grandi protagonisti c’è anzitutto e di nuovo il Cavallino Rampante di Maranello. Oltre alla 296 GTB che resterà sarà esposta nel cortile d’onore dell’Accademia per tutta la durata della manifestazione, nella cornice di Piazza Roma, invece, il pubblico può ammirare la Ferrari Portofino M, la SF90 Spider e la Ferrari Roma.

Parallelamente ai convegni, l’edizione 2021 del Fest di Modena, dopo quella digitale del 2020 che ha seguito il debutto nel 2019, si arricchisce di un nuovo circuito cittadino temporaneo certificato Aci Sport che si sviluppa attorno al parco Novi Sad: chiamato Arena Motor Valley, sabato ospiterà anche le vetture da corsa del Cavallino Rampante. Nella stessa giornata del 3 luglio, otto 488 Challenge Evo, abituali protagoniste del Ferrari Challenge Trofeo Pirelli, affronteranno infatti i 1.400 metri di pista sfidandosi in un “uno contro uno” a eliminazione a partire dalle 10.50, fino alla finalissima prevista per le 18.45. Tra l’altro, le monoposto Ferrari di Formula 1 con i colori della Scuderia Ferrari, tra cui la F60 e la SF70H, saranno protagoniste di due “show adrenalinici”, annunciano gli organizzatori, che comprenderanno anche un pit stop alle 12.50 e alle 18.25.

Seguiranno esibizioni (previste per le 11.40 e le 17.10) della 488 GTE, che vinse la 24 Ore di Le Mans nel 2019, e della 488 GT3 Evo 2020, che può vantare oltre 360 successi nei principali campionati internazionali. Alla guida delle vetture i piloti ufficiali di Ferrari Competizioni GT Giancarlo Fisichella, Davide Rigon, Daniel Serra e Olivier Beretta, il pilota simulatore della Scuderia Ferrari Antonio Fuoco, Alessio Rovera e Maurizio Mediani. Non mancano infine le opportunità offerte a chi desidera visitare i Musei Ferrari: sabato e domenica sarà infatti applicata una tariffa speciale per la visita del Museo Enzo Ferrari (Mef) di Modena. Sabato il museo rimarrà aperto fino alle 24, con ultimo ingresso alle 23.15. In occasione dell’apertura straordinaria, a partire dalle 19, si potrà visitare il museo con una tariffa dedicata per adulti e bambini. Nel corso della serata saranno organizzate anche visite guidate gratuite in italiano e inglese, fino ad esaurimento posti.

SVELATA LA MASERATI LEVANTE “MASSIMO BOTTURA”

Un Maserati Levante, il primo Suv (di lusso) della casa del Tridente, dedicato allo chef stellato modenese Massimo Bottura. È stato presentato oggi a Modena, nell’ambito della terza edizione del Motor Valley Fest. “Levante Trofeo Fuoriserie Edition per Massimo Bottura, presentata in occasione del Motor Valley Fest 2021 a Modena, è la rappresentazione plastica del concetto di creatività che accomuna il programma di personalizzazione Maserati Fuoriserie e Massimo Bottura: aprirsi all’esperienza, essere vulnerabili alla bellezza e desiderosi di scoprire sé stessi lungo il viaggio della vita”, scrive la casa del Tridente in una nota.

Nella versione Trofeo, top di gamma con un motore V8 da 580 cavalli, il veicolo vuole unire tra loro “performance, fun to drive e velocità”: gli esterni in blu stradale sono ricoperti da schizzi multicolore, gli stessi che caratterizzano gli inserti degli interni, il tunnel centrale e la plancia.

BONACCINI E DI STEFANO: “L’AUTOMOTIVE È UN’ECCELLENZA DEL MADE IN ITALY”

Una straordinaria occasione per promuovere e godersi le nostre eccellenze. A partire dalle due e quattro ruote più belle al mondo“. Così il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, alla partenza della terza edizione del Motor Valley Fest di Modena, di scena con un convegno inaugurale all’Accademia militare.

“È chiaro che la meccanica, la meccatronica, i motori, l’automotive per noi sono un punto di eccellenza, al fianco di altri settori, con oltre 40 miliardi di euro di esportazioni, in crescita. Questo ci potrà aiutare e trascinare in quel percorso utile per tornare a crescere davvero come paese, perché prima che emiliano-romagnoli ci sentiamo italiani”, sprona Bonaccini. Intanto, fioccano eccellenze di livello nazionale al festival “diffuso” modenese.

L’azienda bergamasca Cms, di Scm Group, lancia al Fest la prima automobile i cui stampi sono stati realizzati con tecnologia 3D: si tratta di un prototipo “restomod” (restauro modificato) su base Maserati 3200 GT, patrocinato da Tomaso Trussardi. Ma la manifestazione modenese rappresenta anche vetrina mondiale sostenuta dall’accordo per la valorizzazione del Made in Italy, condiviso dal ministero degli Affari Esteri, Agenzia Ice, con la Regione Emilia Romagna e Apt Servizi Emilia-Romagna in campo per l’internalizzazione delle imprese italiane. Lo ricorda il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano, a sua volta al convegno inaugurale: “Questa iniziativa di oggi, che come Farnesina ci onoriamo di contribuire a finanziare nell’ambito del più vasto progetto legato al Gran Premio di Imola, nasce dalla passione e dall’incontro del ministro Di Maio con il presidente Bonaccini, appassionati di questo settore, l’automotive, inteso- rimarca Di Stefano- come parte integrante sempre più del Made in Italy e della sua promozione nel mondo“.

LEGGI ANCHE: Ferrari, presentata la nuova 812 Competizione

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»