Dl Semplificazioni, Conte: “Madre di tutte le riforme, indispensabile per modernizzare l’Italia”

E si valuta l'ipotesi di abbassare l'Iva per chi usa moneta elettronica. "Questo Governo sta lavorando ad un'ampia riforma della tassazione", dice il premier
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il decreto semplificazioni “la madre di tutte le riforme, lo ritengo indispensabile per modernizzare l’Italia a far correre il Paese. Per questo in queste ore a livello governativo e in maggioranza ci siamo confrontati in maniera costruttiva per trovare le soluzioni migliori”. Lo dice il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante il question time in aula alla Camera.

IPOTESI ABBASSARE IVA A CHI USA MONETA ELETTRONICA

“L’ipotesi su cui si puo’ ragionevolmente lavorare delineando un meccanismo efficace e produttivo di effetti e’ di mettere insieme le due istanze dando una scossa ai consumi attraverso un possibile sgravio dell’Iva a chi ricorre alla moneta elettronica”. Lo dice il premier Giuseppe Conte rispondendo al question time alla Camera. 

“Si potrebbe cioe’ ricorrere a un meccanismo incentivante che consente di rilanciare la domanda modernizzando il paese, incentivare i pagamenti digitali e quindi far si’ che tutti paghino le tasse e tutti possano pagare meno”, aggiunge.

FISCO. CONTE: RIFORMA NON ATTUABILE A BREVE, ABBASSEREMO TASSE CETI MEDI

La riforma fiscale “e’ una riforma che non si puo’ attuare nel giro di pochi giorni o poche settimane. Ovviamente l’obiettivo non e’ aumentare ma ridurre la pressione fiscale sui ceti medi e sulle famiglie con figli e accelerare la transazione del sistema economico verso una maggiore sostenibilita’ ambientale e sociale”. 

“Punti chiave della riforma- aggiunge Conte- saranno la semplificazione e la rimodulazione delle aliquote fiscali e allo stesso tempo le scelte fiscali dovranno supportare la politica industriale e il processo di riconversione successivo alla crisi sanitaria e agevolare le produzioni in quei settori dove l’emergenza epidemiologica ha evidenziato una carenza produttiva a fronte di una evidente necessita’ degli approvvigionamenti nazionali”. 

TAGLIO IVA ANCORA IPOTESI, NULLA È STATO DECISO

“Il Governo, io e il ministro, abbiamo tutti confermato che e’ un’ipotesi, non abbiamo ancora deciso sul punto. La stiamo valutando. Nessuna decisione e’ ancora presa”. o dice il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante il question time in aula alla Camera.

EX ILVA. CONTE: STIAMO VALUTANDO INTERVENTO PUBBLICO, E’ MIGLIORE GARANZIA

“La trattativa sta proseguendo. Arcelor Mittal ha dichiarato che gli accordi di marzo sono vincolanti e intende rispettarli seppure il governo abbia bocciato il piano presentato dall’azienda il 5 giugno scorso. Com’e’ noto in queste ore si sta lavorando alla nuova compagine societaria contemporaneamente. In queste ore si sta valutando anche un intervento pubblico, ricorrendone tutte le condizioni, perche’ riteniamo che questa sia la migliore garanzia per raggiungere i livelli occupazionali e gli obiettivi ambientali che il governo considera qualificanti”. Lo dice il premier Giuseppe Conte riferendo alla Camera.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»