Al via il Mei che compie 25 anni, focus sulla monetizzazione via web

Appuntamento il 2.3 e 4 luglio a Faenza: non solo concerti, ma anche presentazioni letterarie, convegni e mostre
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA Edizione speciale, ad ottobre, del Mei, il meeting delle etichette indipendenti, giunto alla 25esima edizione. Il 2, 3 e 4, infatti, a Faenza, il Mei 2020 proporrà una speciale edizione che affiancherà alla tradizionale serie di concerti, presentazioni letterarie, convegni e mostre nelle principali piazze faentine, il nuovo format online ExtraMeiWeb, con contenuti esclusivi in streaming sul sito e sulle pagine social ufficiali della manifestazione.

“Questa sarà una edizione speciale dettata dal fatto che sono 25 anni- spiega il patron Giordano Sangiorgi, all’agenzia Dire-. Chiudiamo un ciclo nel verso senso della parola”. E a causa del coronavirus “questo sarà un anno zero. Il meeting avrà molti contenuti sul web. Abbiamo anche fatto una call con un nostro network di associazioni di etichette indipendenti discografiche europee che è Impala”.

Ma non solo: il Mei ha fatto l’accesso ad un bando per i fondi per i paesi europei, per fare iniziative digitali per mettere in contatto gli operatori durante il festival. A proposito di digitale, “uno dei temi sarà come monetizzare direttamente e indirettamente con i diritti la diretta live streaming, che sarà uno degli elementi del futuro che si abbinerà ai live tradizionali”.

Sono inoltre aperte per gli artisti e le band residenti nei comuni della Regione Emilia-Romagna le iscrizioni per Mei Superstage, il contest gratuito per esibirsi sul palco del Mei 2020, rivolto agli emergenti under 30. Il bando nazionale, invece, partirà dal 1 luglio. Il termine ultimo per le iscrizioni al concorso è il 30 luglio. Il concorso è realizzato in collaborazione con AudioCoop (Coordinamento Etichette Discografiche Indipendenti), Aia (Associazione Artisti Indipendenti) e Rete dei Festival (network nazionale dei contest).

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»