VIDEO | Settanni (Naturopata): “Piccole pause e coccole, poi pensare agli altri”

"La cosa più importante e' avere cura prima di noi stessi"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il Coronavirus ha imposto una pausa forzata ai ritmi frenetici che contraddistinguono la vita di molte persone soprattutto donne che tra lavoro, casa, figli non riescono a ritagliarsi delle pause. Non per andare dal parrucchiere ma per ascoltare le esigenze del corpo e dello spirito. Questo stop ha avuto il merito di far riscoprire il valore della natura e della dimensione biologica della vita. Di questo è convinta anche Cristina Settanni, naturopata, esperta di essenze floreali australiane, giornalista ed autrice del libro ‘I fiori del bene’ edito da Mondadori che raggiunta dall’agenzia di stampa Dire ha svelato qualche consiglio per ricaricare le batterie senza necessariamente dover andare lontano da casa propria.

Pratiche facili da seguire e a costo zero.

– Un effetto della pandemia, complice i ritmi più lenti del lockdown, è la riconciliazione dell’uomo con la natura e il silenzio. Di cosa fare tesoro di questo periodo?

“In questo periodo assolutamente difficile la cosa positiva è stata fermarci e riflettere anche su come noi ci poniamo di fronte alla natura abbiamo visto che durante il periodo di lockdown la natura ne ha beneficiato moltissimo ed è esplosa nella sua energia. La cosa bella adesso, anche per ricaricarci energeticamente e ritornare in connessione con ciò che ci circonda, è averne rispetto. L’obiettivo è beneficiarne anche attraverso una partecipazione attiva alla natura nel senso che cerchiamo di non essere distratti da ciò che ci circonda. Ritorniamo ad osservare le belle giornate, il panorama circostante e quando è possibile stacchiamoci magari dal cellulare e assorbiamo tutta l’energia possibile”.

– L’amore per se stessi e l’importanza di ritagliarsi degli spazi personalissimi, soprattutto per le donne a cui è richiesto di essere multitasking, sono concetti importanti ma per nulla scontati e praticati nella vita di tutti i giorni. Lei cosa consiglia nelle sue consulenze e a chi ci segue?

“Bella domanda. La cosa più importante è avere cura di noi stessi anche prima di dare la nostra assistenza e supporto agli altri dobbiamo sempre ricordarci di noi stessi. Quindi la cosa importante quando non si può usufruire di un periodo lungo di vacanza, come quest’anno che in molti non riusciranno ad andare fuori, è quello di ritagliarsi piccole pause e coccole per noi stessi. Basta anche fare qualcosa che ci fa piacere e che ci rigenera. Tutte questi stratagemmi insieme possono aiutare moltissimo. In più circondarsi di situazione leggere e pensieri positivi può aiutare. Molto spesso siamo oberate da molte cose e perdiamo anche l’energia mentale. Dobbiamo recuperare l’energia con piccoli accorgimenti e ricordiamo che un no detto agli altri può essere un sì detto a noi che è molto benefico”.

Che ruolo gioca lo stile di vita e l’alimentazione per sentirci in forma e pieni di energia ora che è partita ufficialmente l’estate?

“Sono due fattori che giocano un ruolo fondamentale. Dobbiamo imparare ad ascoltare i bisogni del corpo che non sempre coincidono con quelli della mente. A volte la nostra mente vorrebbe fare delle cose, mangiare determinati cibi ma il corpo ha altre regole e bisogni. Ascoltare di più i nostri bisogni e seguire un’alimentazione corretta. In questo periodo siamo molto fortunati perché la natura ci offre cibi naturali molto sani, ricchi di vitamine, bioflavonoidi sostanze antiossidanti e ricchi di energia. Il mio consiglio è scegliere cibi freschi e di stagione. Quando siamo stanchi, ecco riposiamoci di più. Lo stile di vita comprende molte cose tra cui seguire qualche pratica, camminare, respirare e fare yoga. Insomma apportare qualche modifica alla nostra vita sempre frenetica introducendo nuove abitudini molto benefiche e facili da perseguire”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»