VIDEO | Sudafrica e Sant’Egidio insieme per raccolta solidale nel nome di Mandela

Per la Giornata di Mandela l'ambasciata del Sudafrica in Italia. insieme con la Comunità di Sant'Egidio, promuove una raccolta benefica di abiti e altri oggetti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Abiti usati, ma anche utensili, cibo e tutto ciò che si può condividere in spirito di solidarietà con migranti e persone in difficoltà: a promuoverne la raccolta, insieme con la Comunità di Sant’Egidio, in vista della Giornata internazionale di Nelson Mandela del 18 luglio, è l’ambasciata del Sudafrica in Italia.

“Oggi il tema più importante in Europa e nel mondo sono le migrazioni” sottolinea Shirish Soni, il rappresentante diplomatico di Pretoria, in un’intervista con l’agenzia ‘Dire’. “La nostra ambasciata non sente il bisogno di affrontare le migrazione da una prospettiva negativa: dobbiamo piuttosto affrontarla tenendo come riferimento i diritti umani”. Per farlo è stata stretta un’alleanza con la Comunità di Sant’Egidio e sono state invitate tutte le ambasciate a Roma a unirsi all’iniziativa.

Abbiamo cominciato una raccolta di vestiti usati, utensili, cibo e tutto ciò che le persone possono voler donare nella Giornata di Nelson Mandela” dice Soni. “Tutti i cittadini che amano la libertà, la pace, la non-discriminazione e la democrazia sono invitati a lavorare insieme con noi 67 minuti il 18 luglio per aiutare lo staff del centro di distribuzione di Sant’Egidio”. Sessantasette, il tempo dell’impegno da dedicare agli altri e alla comunità, è il numero di Mandela: il primo presidente del Sudafrica democratico, già premio Nobel per la pace, si battè per i diritti e la giustizia sociale per 67 anni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»