Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Totti e la proposta di matrimonio al concerto di Tiziano Ferro FOTO

Tante sorprese nella seconda tappa romana del concerto di Tiziano Ferro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Totti sul palco e una proposta di matrimonio, finisce così la seconda data romana del tour di Tiziano Ferro.

Stadio pieno, carico, nonostante la pioggia che a metà concerto ha iniziato a bagnare gli spettatori. Canzoni del nuovo album ma anche le storiche, che hanno segnato la sua carriera e che tutti conoscono “i giovani ma anche i diversamente giovani” com li ha definiti lo stesso Tiziano Ferro.

Uno spettacolo ricco di effetti speciali, uno stadio gremito che ha cantato, si è emozionato ed ha anche ballato.

Prima dell’inizio un boato ha accolto l’entrata di Totti sugli spalti del suo Olimpico. Il capitano è poi stato chiamato sul palco da Ferro insieme ai figli Christian e Chanel. Dopo l’omaggio di Tiziano alla prima data romana dunque Totti sembra aver voluto ricambiare.

LEGGI ANCHE L’omaggio di Tiziano Ferro all’Olimpico: “Totti eroe buono” FOTO E VIDEO

Altro colpo di scena sulle note di “Mi sono innamorato di te” di Luigi Tenco interpretata da Tiziano Ferro: la proposta di matrimonio di un giovane spettatore che in tribuna Monte Mario ha chiesto la mano della sua amata che in fiume di lacrime ha detto sì.

di Marta Nicoletti, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»