hamburger menu

Il Ponte del 2 giugno? Sarà bollente, con picchi di 40 gradi

Le previsioni di 3bmeteo.com: arriva l'anticiclone africano, domenica il giorno più caldo

caldo sole

ROMA – “Il Ponte del 2 giugno sarà in larga parte caratterizzato dalla presenza dell’anticiclone africano, che tornerà ad interessare l’Italia dopo la breve parentesi più instabile dei giorni scorsi”. Lo prevede il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara, che spiega: “Al Centro-Sud sole prevalente da giovedì 2 giugno al weekend del 4-5 compreso, sebbene i cieli potranno venire a tratti offuscati dal passaggio di nubi alte, del tutto innocue”.

Il caldo africano “diverrà via via più intenso giorno dopo giorno, con massime diffusamente superiori ai 30-32 gradi sulle aree interne: domenica 5 apice dell’ondata di caldo con punte di 36-38 gradi sulle zone interne del Sud (specie Sicilia, Calabria e Puglia), fino a 38-40 gradi in Sardegna, 34-36 al Centro. Qualche grado in meno invece lungo le coste, complici le brezze marine, ma con afa particolarmente accentuata”.

Il sole non mancherà anche al Nord, “che tuttavia sarà lambito da infiltrazioni di aria più instabile atlantica, in scorrimento lungo il bordo dell’alta pressione africana”, prosegue Ferrara. “oltre al sole avremo dunque a tratti della nuvolosità irregolare di passaggio, con possibilità per qualche rovescio o temporale in primis lungo la cerchia alpina, ma sporadicamente non escluso anche su Prealpi, pedemontane e pianure a nord del Po. Saranno altresì possibili fenomeni localizzati ma di forte intensità, in particolare domenica quando entro sera i temporali potrebbero divenire più diffusi a partire da Alpi, Prealpi e alta Valpadana. Anche al Nord farà molto caldo, sebbene non siano previsti i picchi del Centro-Sud, ma comunque con punte di oltre 32-33 gradi e soprattutto afa accentuata, che aumenterà quindi la sensazione di disagio fisico”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-02T15:41:34+02:00