Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ad Aosta manifestazione per la libertà e dignità del lavoro giornalistico

manifestazione giornalisti aosta
Il presidio organizzato dalle associazioni regionali di stampa e dalla Fnsi, ha il sostegno di Cgil, Cisl, Savt e Uil e del sindaco Gianni Nuti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Alessandro Mano

AOSTA – Anche ad Aosta i giornalisti sono scesi in piazza, questa mattina, per il presidio organizzato dalle Associazioni regionali di stampa e dalla Federazione nazionale della stampa italiana in contemporanea in tutto il Paese. In piazza Emile Chanoux, nel capoluogo, l’Associazione stampa valdostana (Asva, sindacato unitario dei giornalisti valdostani) con il sostegno dell’Ordine dei giornalisti della Valle d’Aosta, del cdr della Tgr, dell’Usigrai e dei sindacati Cgil, Cisl, Uil e Savt hanno manifestato per chiedere “un futuro per l’informazione”. È intervenuto anche il sindaco di Aosta, Gianni Nuti, esprimendo “piena solidarietà ai giornalisti e alle giornaliste in questo periodo particolarmente difficile”.

Libertà, lavoro e dignità sono state le tre parole d’ordine, in un periodo complesso per la professione giornalistica. “Il settore dell’editoria dei giornali e il lavoro giornalistico sono stati esclusi da ogni tipo di intervento nel Recovery Plan– spiega l’Asva- e per questo, dopo la manifestazione davanti a Montecitorio dello scorso 20 maggio, abbiamo deciso di aderire alla mobilitazione nazionale. Il lavoro giornalistico è sempre più precario, con colleghi pagati anche 7, 5, 2 euro ad articolo, nessun contratto, nessuna forma di tutela. Il nostro ente pensionistico, l’Inpgi, rischia il collasso dopo anni di prepensionamenti e stati di crisi”.

Per questo, secondo i giornalisti “serve un intervento deciso, sia con sostegni al lavoro giornalistico, sia con lo sblocco di alcune leggi a ‘costo zero’ ferme da anni in Parlamento, come l’equo compenso e la riforma dell’Inpgi“. Al termine della manifestazione, una delegazione ha incontrato, al Palazzo regionale, il presidente Erik Lavevaz, consegnandogli un documento intitolato “Un patto con le istituzioni per il futuro dell’informazione”.

LEGGI ANCHE: Morto il Principe Amedeo, Duca di Savoia e d’Aosta

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»