Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Casa, ‘autonomi come dipendenti’: la Consulta boccia la legge sull’edilizia residenziale pubblica della Lombardia

La parte della legge regionale che disciplina l'assegnazione delle case alle varie tipologie di aventi diritto è da rifare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Giovanni Domaschio

ROMA – Le case popolari vanno assegnate ai lavoratori autonomi tanto quanto a quelli dipendenti. E’ il fulcro della sentenza, depositata il 28 maggio scorso (la pronuncia è di un mese prima, il 27 aprile, ndr), con cui la Corte Costituzionale ha di fatto reso invalida una parte del “Testo unico delle leggi regionali in materia di edilizia residenziale pubblica” del 2009 della Regione Lombardia.

Nella sentenza della Corte, presieduta da Giancarlo Coraggio, viene dichiarata “l’illegittimità costituzionale dell’art. 31, comma 3, ultimo capoverso, e comma 4, lettera a), della legge della Regione Lombardia 4 dicembre 2009, n. 27 […] nella parte in cui non consentono di inquadrare nell’area della protezione, ai fini della determinazione del canone di locazione sopportabile, i nuclei familiari con redditi da lavoro autonomo con Isee-Erp di valore corrispondente a tale area”.

Il testo in questione, risalente al terzo mandato di Roberto Formigoni, momento in cui l’assessorato alla Casa era nelle mani dell’esponente dei Democratici Cristiani Mario Scotti, prevede che per l’assegnazione degli alloggi popolari venga data priorità ai lavoratori dipendenti sugli autonomi. Questa distinzione, però, non trova motivo di sussistere secondo la Corte Costituzionale, nè in relazione a un diverso sistema di tassazione delle tipologie di lavoratori nè in virtù del versamento, da parte di chi ha svolto lavoro dipendente, delle quote Gescal, fondo dedicato proprio a finanziare l’edilizia popolare ma ormai soppresso da quasi 50 anni.

La parte della legge regionale che disciplina l’assegnazione delle case alle varie tipologie di aventi diritto, quindi, sarebbe ora da rifare, essendo incostituzionale in alcuni passaggi. Al momento, certe parti dei due commi dell’articolo 31 citati dalla sentenza della Consulta andranno ignorati in fase di applicazione del testo unico, e l’effetto sarà quello di equiparare, d’ora in poi, i lavoratori autonomi e quelli dipendenti o che già percepiscono la pensione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»