VIDEO | ‘Lontani ma vicini’ porta il teatro a casa per esplorare le emozioni

Santa Spena, docente teatrale per i laboratori scolastici promossi dall'Istituto di Ortofonologia (IdO), spiega il relativismo pirandelliano
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
ROMA – “Il teatro ci permette di esplorare le nostre emozioni e i nostri stati d’animo. Grazie al teatro si puo’ provare a lavorare su se stessi, a mettersi in gioco. In questo momento non e’ possibile andare fisicamente a vedere delle rappresentazioni, ma tutte le piattaforme che abbiamo a disposizione ci permettono di visionare tante opere e possiamo anche metterci in gioco recitando qualche cosa che ci colpisce”. Lo dichiara Santa Spena, docente teatrale per i laboratori scolastici promossi dall’Istituto di Ortofonologia (IdO), nel video pubblicato sul canale Youtube ‘Il teatro restando a casa’, nell’ambito del progetto ‘Lontani ma vicini‘ su Diregiovani.it. La docente spiega il relativismo pirandelliano e si sofferma su “quanto siano attuali le tematiche presenti nella poetica di Pirandello. Anche noi spesso ci sentiamo smarriti, inadatti o incompresi dall’altro, e questi sono temi che appartengono all’animo umano soprattutto dell’eta’ moderna. Ovviamente- conclude- non c’e’ una soluzione a tutto questo, ma con il teatro possiamo riconoscere le nostre emozioni”. Nel video la docente teatrale, per spiegare il relativismo pirandelliano, analizza alcune sue opere: Cosi’ e’ (se vi pare); Il fu Mattia Pascal; Uno, nessuno e centomila; Sei personaggi in cerca d’autore. È possibile seguire queste lezioni sul canale YouTube dell’Istituto di Ortofonologia, o sul sito Diregiovani.it. Si possono inviare richieste a tre indirizzi: per i ragazzi [email protected], per i docenti [email protected], per i genitori [email protected] E’ attivo anche il numero di telefono(solo per sms e whataspp): +39 3334118790.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»