Coronavirus, Lopalco: “Ora fase endemica: poche certezze e fare attenzione”

L’epidemiologo Lopalco commenta sui social le parole di Zangrillo: "I nuovi casi hanno pochi sintomi, ecco perchè hanno basse cariche virali. Ma il numero di portatori è comunque alto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Siamo passati da una fase di circolazione epidemica a una circolazione endemica. Basta fare attenzione“. Lo scrive sui social l’epidemiologo e consulente della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco, intervenendo sulle ultime dichiarazioni relative alla scomparsa del coronavirus in Italia. A dirlo è stato Alberto Zangrillo, primario dell’ospedale San Raffaele di Milano che ha parlato anche di “chi terrorizza il Paese”.

LEGGI ANCHE: Il primario del San Raffaele: “Clinicamente, il coronavirus non esiste più”

Lopalco scava nei suoi ricordi di bambino quando i genitori gli dicevano di fare attenzione quando doveva attraversare la strada. “I miei genitori facevano terrorismo? Di certo no. Non mi dicevano mica di non attraversare la strada. Mi ricordavano semplicemente di stare attento e valutare bene il rischio”, scrive e aggiunge: “In questi giorni abbiamo poche certezze: reparti ospedalieri si stanno via via svuotando dei malati di Covid 19, i nuovi casi positivi si riferiscono per lo più a portatori asintomatici o paucisintomatici, che quindi esprimono basse cariche virali, il numero di portatori è comunque alto, considerando che la maggior parte di essi non viene rilevata e che il virus si mantiene allo stato di portatore per molto tempo. Valutare il rischio e – conclude – fare attenzione”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Sandra Zampa contro Zangrillo: “Virus non c’è più? Messaggio sbagliato”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»