Imprese, Silvestrini (Cna): “Arte, cibo e turismo i nostri assets, ma manca organizzazione”

Lo sottolinea alla 'Dire' Sergio Silvestrini, segretario generale della Cna nazionale, nel corso dell'iniziativa "Arte, cibo e turismo. Le eccellenze del territorio".
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SIENA – Arte, cibo e turismo “sono tre asset del Paese anche per innovazione, sviluppo, condivisione e attrattività dei flussi mondiali che stanno aumentando in maniera vertiginosa. E’ questo il nostro vero brand, con la storia che in questo ci aiuta perché cultura, senso del bello e dell’estetica, equilibrio delle forme, sono aspetti tipicamente italiani. Così come lo sono il buon mangiare e il buon vivere”. Lo sottolinea alla ‘Dire’ Sergio Silvestrini, segretario generale della Cna nazionale, nel corso dell’iniziativa organizzata dall’associazione degli artigiani di Siena nel complesso museale di Santa Maria della Scala: “Arte, cibo e turismo. Le eccellenze del territorio”.

Un tris d’assi “che si sposa perfettamente con la Toscana- aggiunge- il secondo marchio più conosciuto al mondo dopo l’Italia, e con Siena dove tutto questo è meraviglia, è una relazione sentimentale con il territorio”.

Tuttavia, sottolinea Silvestrini, quello che manca “è l’organizzazione che non è ancora ai livelli che il Paese mariterebbe. Dobbiamo cioè fare comunità, stare insieme vincendo tendenze individualistiche che restano potenti in Italia”. Ovvero “mancano veri incentivi capaci di agevolare processi. Voglio dire, noi siamo più bravi dei nostri competitori, ma siamo meno organizzati”.

Per allargare il raggio di azione delle nostre eccellenze, quindi, “dobbiamo ritrovare l’idea dell’efficienza”, ma a è anche necessario “superare alcuni vincoli burocratici, ormai ossessivi e non più comprensibili. Che sono la pena di tanti piccoli imprenditori, soprattutto artigiani, che soffrono più di altri questa ‘astuzia’ a volte incredibile del legislatore, che cerca sempre un nuovo particolare per insidiare la sicurezza e la serenità dell’investitore”.

Un problema che si ripercuote anche con gli investitori esteri: “Hanno difficoltà a venire da noi per il cambio repentino delle leggi, che non dà sicurezza nel medio e lungo periodo”, conclude.

SILVESTRINI (CNA): ALTA QUALITÀ È NOSTRA GRANDE RISORSA

“L’altissima qualità dei nostri prodotti artigianali è la nostra più grande risorsa. Può giocare e vincere nelle nicchie mondiale”. Lo spiega alla ‘Dire’ Sergio Silvestrini, segretario generale della Cna nazionale, nel corso dell’iniziativa organizzata dall’associazione degli artigiani di Siena nel complesso museale di Santa Maria della Scala: “Arte, cibo e turismo. Le eccellenze del territorio”.

“Piccole nicchie ma molteplici. Oggi, infatti, è desiderabile avere un prodotto di alta qualità. Perché- sottolinea- se la competizione con la Cina e l’Asia, l’India, si fa sui costi bassi, noi siamo morti. Se, invece, puntiamo sulla qualità possiamo vincere. Però oltre a questo e all’innovazione, serve anche un’ottima organizzazione del sistema Paese”, conclude.

PETRI (CNA): ARTE, CIBO E TURISMO SONO ORO DI SIENA

Arte, cibo e turismo “sono l’oro di Siena per le potenzialità che questi tre settori possono esprimere nel mondo”. Per questo “abbiamo dei progetti importanti per la loro valorizzazione”. Lo sottolinea alla ‘Dire’ Fabio Petri, presidente della Cna senese, durante l’iniziativa organizzata dall’associazione degli artigiani nel complesso museale di Santa Maria della Scala: “Arte, cibo e turismo. Le eccellenze del territorio”.

L’idea, sottolinea, “è mettere in connessione” le tre risorse. “Non più ognuno per sé” ma le singole specificità messe a rete “per portare valore aggiunto” al sistema Siena. Perché, conclude, “su questi settori del territorio si può costruire un futuro diverso”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»