Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Caos in piazza del Quirinale, le lacrime della figlia di Fontana…

quirinale
Una mezz'ora di ordinaria follia in piazza del Quirinale: giornalisti 'forzano' il cordone della polizia e da lì in poi è il liberi tutti.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una mezz’ora di ordinaria follia. Finito il giuramento del governo, ecco il primo cambiamento: non ci sarà la consueta possibilità di intercettare i ministri nel salone delle feste, i giornalisti devono lasciare il palazzo e appostarsi sotto il sole in piazza del Quirinale. Ci sono 29 gradi e niente ombra. Davanti al palazzo della Corte costituzionale un centinaio di sostenitori dei Cinque stelle; davanti al Quirinale altrettanti cronisti e operatori. Le forze dell’ordine provano a contenere tutti dietro un nastro.

La situazione pare sotto controllo. Almeno finché esce Enzo Moavero, il primo dei ministri a lasciare il palazzo. I giornalisti ‘forzano’ il cordone della polizia e da lì in poi è il liberi tutti. Conte esce su un’auto blu, poi i ministri che vanno via alla spicciolata, chi a destra chi a sinistra, e i cronisti che si spostano come sciami d’api un po’ qua e un po’ là. Tria è gettonatissimo, il generale Costa e Giulia Grillo non se li fila quasi nessuno. Erika Stefani è radiosa, Giulia Bongiorno pare terrorizzata dalla folla.

Ad attendere Lorenzo Fontana in piazza ci sono moglie e figlia piccola con pelouche e ciuccio rosa. Quando all’improvviso le telecamere marciano decise verso il papà, la bimba salta in braccio alla mamma e scoppia a piangere. “Stai tranquilla- la consola la madre- non vedi quanta polizia c’è qui?”.

A pochi metri ci sono decine e decine di forze dell’ordine, che però sono prese dal traffico di automobili. Tra poco infatti inizia il ricevimento al Quirinale per la festa del 2 giugno e a dozzine di auto blu che devono scaricare i notabili vestiti a festa è concesso parcheggiare in piazza. Così la polizia è impegnata ad allontanare i cronisti dai ministri, a scortare i ministri verso i taxi e le auto blu, a smorzare la auto blu che aggressive provano a investire un po’ chiunque.

Quando escono Salvini e Di Maio è il delirio: sono il piatto forte del giorno. Salvini si toglie la giacca e sorride, Di Maio saluta i militanti Cinque stelle. Qualche minuto prima sono usciti anche i suoi genitori. Il papà resta in silenzio, la mamma concede una battuta: “Certo che sono orgogliosa”.

Intorno a loro continua il carosello di poliziotti che inseguono cronisti che inseguono ministri che inseguono auto blu. Il fuoco d’artifico finale è Paolo Savona. Assediato dalle tv non proferisce verbo. Prima di salire in macchina sussurra: “Sono specializzato in silenzi”.

Dietro di lui la piazza si ricompone: gli invitati del Quirinale stanno entrando a palazzo per la festa.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»