Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Animali, contro il randagismo in Lombardia c’è il Cat village

ROMA  - Un'oasi felina d’eccellenza ospitata all’interno di una villa in disuso: è 'Cat Village', la prima struttura
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Un’oasi felina d’eccellenza ospitata all’interno di una villa in disuso: è ‘Cat Village’, la prima struttura zoofila per gatti della Lombardia autorizzata dall’Azienda sanitaria locale veterinaria ad ospitare gatti, ma anche anfibi, rettili, volatili ornamentali e roditori che l’Oipa- Organizzazione internazionale protezione animali inaugurerà il 7 giugno.

La villa in disuso ceduta a titolo gratuito dal comune di Lonate Pozzolo (Varese), accoglie gatti senza famiglia, malati, disabili, reduci da situazioni di maltrattamento e, dopo averli recuperati fisicamente e psicologicamente, ha l’obiettivo di trovare loro una nuova casa.

L’Oipa “si è fatta carico della completa ristrutturazione dell’edificio e, dopo sei mesi di lavori, presenta l’oasi alla cittadinanza dotata di tutti i requisiti richiesti dall’art. 19 del Regolamento 2 della Regione Lombardia che norma le strutture zoofile”. Cat Village è, infatti, dotata di un’infermeria, di una zona preparazione pasti, di una zona degenza malattie infettive attrezzata con gabbie apposite e di un’area di sgambamento al chiuso.

Ad oggi la struttura ospita 50 gatti, tutti microchippati e sterilizzati, molti dei quali provenienti dalle colonie formate da gatti abbandonati nell’area dell’aeroporto di Malpensa, ma è autorizzata ad accoglierne 150.

“L’Oipa ha deciso di investire in un progetto tanto ambizioso quanto utile, Cat Village è, infatti, uno strumento concreto per combattere il randagismo felino, vera e propria piaga della zona- sottolinea Massimo Comparotto, presidente Oipa Italia- Siamo felici che il comune di Lonate Pozzolo abbia condiviso con noi questo importante obiettivo mettendo a disposizione un edificio che con grandi sforzi abbiamo fatto rivivere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»