Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vaccino, Bertolaso: “In Lombardia prima dose a tutti entro luglio o ottobre”

guido bertolaso
Le tappe della campagna vaccinale in Lombardia dipenderanno dalla disponibilità delle dosi in arrivo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Maria Laura Iazzetti

MILANO – I tempi sono serrati, anche se sarà difficile rispettare la prima ipotesi della fine di giugno. A patto che arrivino tutte le dosi promesse, la Lombardia conta di poter concludere la campagna di vaccinazioni, almeno per quanto riguarda la somministrazione della prima dose, entro il 18 luglio. Le tappe sono state illustrate dal consulente Guido Bertolaso durante il punto stampa per la presentazione del nuovo portale di Poste italiane, che sostituirà Aria nella gestione delle prenotazioni. Si procederà, come stabilito dal ministero della Salute, in base all’età.

Da domani il sistema di Poste sarà attivo per la fascia tra i 75 e i 79 anni (449.862 cittadini lombardi). “Partiremo il 12 aprile alle 8 del mattino. Con 35.340 dosi al giorno, concluderemo la somministrazione della prima dose entro il 26 aprile”, spiega Bertolaso. L’inoculazione avverrà principalmente nei centri massivi, che in tutta la Lombardia saranno 76. Lavoreranno dalle 8 alle 20. “Consentiremo anche alle imprese di vaccinare in queste strutture con delle linee a loro dedicate”, aggiunge Bertolaso. La Regione punta a raggiungere gradualmente 144.000 somministrazioni al giorno. Sarà indispensabile per poter rispettare i tempi della campagna massiva.

Dopo gli over 75, si procederà con la fascia tra i 70-74 anni. Le prenotazioni saranno aperte dal 15 aprile e le inoculazioni inizieranno il 27. I soggetti da immunizzare sono 546.312. Se arriveranno le forniture di vaccini indicate dal governo, la Regione pensa “di poter raggiungere 65.000 somministrazioni al giorno”. In questo modo si completerà l’inoculazione della prima dose entro il l’8 maggio. “Altrimenti, se la disponibilità di vaccini è quella che abbiamo oggi, arriveremo al 12 maggio”, avverte Bertolaso.

Dal 22 aprile toccherà a un milione di over 60, anche in questo caso sia per l’inizio sia per la fine dell’inoculazione le date ipotizzate sono due: 13 maggio-9 giugno (con 65.000 vaccini al giorno) o 9 maggio-18 maggio (con 144.000 vaccini al giorno). La Regione spera a quel punto di poter contare anche sul siero di Johnson & Johnson, per velocizzare la campagna.

Dal 30 aprile o il 15 maggio, sempre in base alla disponibilità di dosi, toccherà agli over 50: si chiuderà il 7 giugno o il 16 luglio. Poi, sarà il turno degli under 49. “Potremmo aprire aprire le prenotazioni a metà maggio per concludere il 18 luglio. Ci vorrebbero però 144.000 dosi al giorno”, spiega Bertolaso.

Se le somministrazioni non supereranno quota 65.000 la fine delle inoculazioni è prevista per il 20 ottobre. “I prossimi passi sono lunghi e difficili, ma li percorreremo con determinazione fianco a fianco al generale Paolo Figliuolo e al capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio”, promette Bertolaso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»