Covid, in Puglia boom di contagi: mai così tanti da inizio pandemia

Nelle ultime ventiquattro ore si sono registrati 2.369 nuovi positivi. Lopalco: "Pressione sul sistema sanitario elevatissima"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Sale di tre punti percentuali rispetto a ieri il tasso di positività in Puglia dove il 17,8 per cento dei 13.293 tamponi processati ha dato esito positivo. Si tratta di 2.369 nuovi positivi la gran parte dei quali accertati in provincia di Bari in cui si contano 860 malati in più. Seguono per numeri di nuovi contagiati, le province di Foggia con 562 casi, Taranto con 374, Lecce con 291, Brindisi con 150 e Bat con 131. Cinque casi riguardano residenti fuori regione e altri quattro di cui non era nota la residenza sono stati riclassificati e attribuiti e vanno tolti dal totale. Gli attualmente positivi sono 48.032 di cui 2.115 ricoverati. Le vittime covid sono state 36 di cui 19 in provincia di Bari, 6 in quella di Brindisi, 5 nel tarantino, 4 nel foggiano e una in ognuna delle aree di Lecce e Bat. I guariti sono complessivamente 142.501.

EMILIANO: CON OGGI RECORD ASSOLUTO DI CONTAGI

Noi in Puglia abbiamo oggi il record di contagi in assoluto, nonostante la zona rossa rafforzata, perché c’è ancora una intensità di rapporti umani e peraltro questa variante inglese – che è il punto fondamentale – ha una durata nell’incubazione così breve che il tracciamento è saltato completamente, non serve più a niente, non riusciamo più a frenare, perché nel tempo necessario a capire che c’è un innesco di un focolaio, il soggetto ha già contagiato una marea di altre persone”. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, intervenendo in diretta a Sky Tg24. “Vi prego di autogestirvi, di comprendere che anche solo andare a fare gli auguri a una persona cara può essere un atto che può determinare una catastrofe”, la richiesta del presidente ai cittadini.

“La variante inglese – spiega Emiliano – sta diventando egemonica. In Puglia è ormai al 90% e peraltro ha caratteristiche anche più letali nel senso che ci siamo accorti che stanno morendo – perché questa frase non viene mai ripetuta in Tv – muoiono un sacco di persone, muoiono anche male e muoiono anche in età giovanile”.

Per il governatore “bisogna durante queste feste, ridurre al massimo ogni occasione di incontro: le messe si possono seguire in tv, si possono fare per telefono tutti quegli adempimenti che è impossibile fare di persona. Non pretendete dallo Stato – aggiunge – ciò che voi stessi poi non siete in grado di fare da soli, facendo funzionare un po’ il cervello”.

LOPALCO: “PRESSIONE SU SISTEMA SANITARIO ELEVATISSIMA

“La circolazione del virus in Puglia rimane alta e i contagi comunicati toccano quota 2.369, un dato mai registrato dall’inizio dell’emergenza. La pressione sul sistema sanitario è elevatissima. Ecco perché è importante rispettare le misure di sicurezza e prevenzione. Nonostante le norme limitino al minimo le possibilità di spostamento, è visibile a tutti che in giro c’è ancora troppa gente, in ogni luogo”. Lo dichiara l’assessore regionale alla Sanità della Regione Puglia, Pier Luigi Lopalco, commentando i dati epidemiologici di oggi. Il mancato rispetto delle norme anti contagio “apre autostrade al virus, che vive di contatti. Le prossime festività pasquali saranno un altro tornante della pandemia”. “Si dovrà evitare di muoversi da casa, per non peggiorare la situazione – consiglia l’epidemiologo – Evitiamo di affollare i luoghi pubblici, facciamo la spesa in orari non di punta, proteggiamo le persone non ancora immunizzate e evitiamo di farci gli auguri di Pasqua di persona. Una visita di cortesia per scambiarsi gli auguri può essere il preludio di una tragedia. Il virus cammina su chi si incontra, si saluta o si abbraccia e si propaga ad altissima velocità”.

LEGGI ANCHE: Nuova mappa Ue: sette regioni e due province autonome italiane rosso scuro

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»