A Ferrara ancora troppe multe: drone ed elicottero contro i furbetti

elicottero01
Nella città emiliana la curva epidemiologica continua a salire, ma le sanzioni per il mancato rispetto delle norme anti-Covid sono ancora tantissime, per questo il prefetto ha deciso di intensificare i controlli nel weekend pasquale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FERRARA – A Ferrara e provincia la curva epidemica è ancora in salita, e anche se il piano di vaccinazione “sta entrando nella fase di massima accelerazione”, come afferma il prefetto Michele Campanaro, le sanzioni per il mancato rispetto delle norme anti-Covid sono ancora tantissime. Anche per questo, dunque, i controlli saranno rafforzati fino a Pasquetta, anche con l’utilizzo di un drone e di un elicottero. Questo, in sintesi, è quanto emerso ieri sera nella riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. Il summit, spiega la Prefettura, è stato introdotto dal focus settimanale sulle ricadute dell’emergenza epidemiologica sul sistema sanitario e ospedaliero e l’andamento del piano vaccinale.

Il quadro presentato dall’Ausl e dall’Azienda ospedaliero-universitaria Sant’Anna evidenzia “una curva epidemica ancora in salita, con un’incidenza settimanale dei contagi di 352 positivi ogni 100.000 abitanti, al di sopra del valore soglia di 250 fissato per la zona rossa e con picchi che nell’Alto ferrarese superano anche i 700 casi ogni 100.000 abitanti”. Complessivamente, sono 3.716 i positivi in provincia di Ferrara, di cui 3.369 in isolamento domiciliare e 347 ricoverati (41 in terapia intensiva). Sul totale dei positivi è poi “sensibilmente cresciuta la percentuale dei sintomatici, passata dal 23 al 25%”, ed è “critica la situazione relativa alla pressione sul sistema ospedaliero, accentuata sul maggiore presidio della provincia, quello di Cona, dove si registra una percentuale di occupazione dei posti letto del 97% circa”. La campagna di vaccinazione ha invece raggiunto 77.400 inoculazioni, di cui 51.802 come prima dose, tra personale sanitario, ospiti delle case di riposo e delle strutture sociosanitarie di accoglienza, grandi anziani, soggetti fragili e categorie prioritarie.

Il piano di vaccinazione provinciale, dichiara il prefetto, “sta entrando nella fase di massima accelerazione, con il punto vaccinale di Ferrara Fiere che diventa h24 per l’intera settimana, passando nei prossimi giorni a 2.317 somministrazioni giornaliere, fino ad arrivare, a regime, a 4.000 inoculazioni al giorno”. Purtroppo, Campanaro è costretto a rimarcare anche “il crescente numero di sanzioni amministrative” per violazione delle norme anti-Covid, e “fa molto riflettere che siano ancora così numerosi i casi per i quali si è dovuto intervenire sanzionando”. Nell’ultimo fine settimana, nei soli giorni del 27 e 28 marzo, le multe sono state addirittura 77, il valore più elevato mai registrato da aprile 2020, e il prefetto invita ancora una volta i cittadini ad “essere profondamente responsabili, soprattutto nei prossimi giorni di feste pasquali, perché non possiamo abbassare la guardia proprio ora”.

Ad ogni modo si controllerà e Campanaro annuncia una intensificazione da sabato fino a lunedì compreso. Massima attenzione “sul centro cittadino, sulle piazze e sulle aree verdi”, mentre fuori dai centri abitati i controlli “riguarderanno i caselli autostradali e i principali assi viari, con un potenziamento dei servizi lungo il litorale”. Sulla fascia costiera, in particolare, il prefetto “ha disposto l’impiego di un drone della Polizia provinciale, mentre il controllo aereo sulla direttrice Ferrara-Lidi comacchiesi sarà assicurato da un elicottero del Sesto reparto volo della Polizia di Bologna”. Complessivamente, dettaglia Campanaro, circa 100 unità giornaliere presidieranno il territorio, e il dispositivo sarà integrato da una Squadra operativa di supporto dei Carabinieri in funzione antiterrorismo.

LEGGI ANCHE: La protesta dei ristoratori: “Bloccheremo l’autostrada”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»