In Sudafrica un satellite per l’oro blu: obiettivo zero sprechi

sudafrica crocodile river_foto esa(1)
Un progetto pilota dell'Agenzia spaziale europea (Esa) ha monitorato, dall'alto, disponibilità, impiego, evapotraspirazione e potenziali sprechi di acqua di un'area vasta come i Paesi Bassi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’oro blu lo salva il satellite: è la promessa di un progetto sostenuto dall’Agenzia spaziale europea (Esa), che in Sudafrica ha permesso in una fase pilota di monitorare disponibilità, impiego, evapotraspirazione e potenziali sprechi di acqua su una superficie estesa come i Paesi Bassi. L’iniziativa, si legge in una nota pubblicata dall’Esa nei giorni scorsi, si sta concentrando sugli utilizzi per l’irrigazione. Grazie al supporto di due società olandesi, Hydrologic e Eleaf, è stato condotto un primo monitoraggio su circa 40.000 chilometri quadrati.

Il Sudafrica è da tempo alle prese con una carenza strutturale di risorse idriche. Da circa 20 anni è in vigore una legge, il National Water Act, tesa a ridurre i consumi agricoli. Secondo Maurits Voogt, esperto di HydroLogic, “monitorare e far rispettare l’utilizzo legale dell’acqua in luoghi dove c’è poco personale qualificato e dove le aree da controllare sono enormi è un compito difficile”. La risposta sarebbe un servizio satellitare, parte di un programma dell’Esa denominato Advanced Research in Telecommunications Systems (Artes), che consente di verificare l’impiego delle risorse senza visitare neanche un campo o un’azienda agricola. “Con una app – sottolinea Voogt – possiamo far rispettare le regole e garantire l’utilizzo sostenibile delle risorse”.

Il progetto è realizzato in collaborazione con la Inkomati-Usuthu Catchment Management Authority, ente sudafricano responsabile della raccolta e della gestione delle acque nel bacino di Crocodile River. “Insieme con i dati sulle precipitazioni ottenute dai pluviometri e dai satelliti, le stime sull’evapotraspirazione consentono di calcolare quanta acqua è usata per l’irrigazione” riferisce l’Esa. “In automatico l’app compara poi l’utilizzo delle risorse con i dati sulle riserve contenuti nel registro nazionale, che elenca le quote allocate per ciascuna azienda”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»