Coronavirus, a Ravenna la spesa arriva con una cartolina anti solitudine

Le note di Lucio Dalla ispirano "Caro vicino ti scrivo": l'iniziativa per mandare messaggi di vicinanza a chi l'isolamento lo soffre un po'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Pur essendo in epoca di e-mail, social e messaggeria veloce, l’isolamento pesa. E una cartolina, specie se esprime vicinanza e solidarietà a parole o con un disegno, fa sempre piacere. Senza contare che molti anziani non usano la tecnologia e con l’emergenza coronavirus rischiano la solitudine ancor più degli altri. Così a Ravenna, CittAttiva, impegnata con la coop sociale Villaggio Globale a consegnare la spesa a casa a molte persone, ha lanciato l’idea. Perché non mandare un messaggio ai tanti vicini di casa o concittadini chiusi in casa?

CITTATTIVA RAVENNA RECAPITA LA TUA CARTOLINA

Per aderire, basta andare sulla pagina Facebook di CittAttiva Ravenna, stampare la cartolina (oppure usare un foglio bianco per fare un disegno o scrivere un messaggio), inviarlo da Facebook come messaggio privato, o via email ([email protected]) o via whatsapp (3496481710). Saranno i volontari a stamparlo e consegnarlo in sicurezza, mentre portano la spesa ai cittadini.

Se poi si desidera ricevere una risposta, basta lasciare il proprio contatto sul fronte della cartolina. L’iniziativa, appoggiata e caldeggiata dal Comune, è stata battezzata “Cara vicina, caro vicino, ti scrivo”, mutuando le parole della famosa canzone di Lucio Dalla “L’anno che verrà” (“Caro amico ti scrivo così mi distraggo un po’. E siccome sei molto lontano più forte ti scriverò”), una spinta a lanciare parole, disegni o messaggi di speranza.

Possono partecipare, tutti, adulti e bambini, “animati dalla voglia di essere più vicini anche a chi non conoscono”, sottolineano il Comune a CittAttiva.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»