fbpx

Tg Riabilitazione, edizione dell’1 aprile 2020

– A FONDAZIONE SANTA LUCIA ROMA TRA IPAD E TELERIABILITAZIONE

L’attività della Fondazione Santa Lucia Irccs di Roma, altamente specializzata in percorsi di neuroriabilitazione nell’ambito motorio e cognitivo, non si ferma ai tempi dell’emergenza Covid-19. Diverse le misure adottate per preservare la salute di medici, operatori e pazienti. Niente visite dei familiari ma iPad e videochiamate. E poi teleassistenza e teleriabilitazione per i più piccoli. Ne parla alla Dire Antonino Salvia, direttore sanitario del Santa Lucia.

– MARTINI: SPORT IN QUARANTENA POSSONO CAUSARE DANNI ARTICOLAZIONI

Quasi la metà degli italiani si riscopre sportiva, anche in tempi di quarantena, con allenamenti spesso improvvisati in casa. Attenzione, “perché ci si puo’ facilmente imbattere in infortuni sia di natura muscolare che articolare” spiega alla Dire Gianluca Martini, specialista in Ortopedia e Traumatologia dello Sport e direttore del Centro Fisioterapico ‘Ninfa’ a Doganella di Ninfa. A rischio, spesso, il ginocchio. “In caso di sovraccarichi funzionali, iperattivita’, si puo’ verificare la cosiddetta algodistrofia” continua l’esperto. Insomma, di fronte a dolore e magari gonfiore del ginocchio e limitazione
della deambulazione “e’ bene consultare uno specialista ortopedico”. E a parte la necessità dell’intervento chirurgico, “la riabilitazione- conclude Martini- è comunque fondamentale nel recupero da qualsiasi infortunio muscolare e articolare”.

– L’AUSL TOSCANA SUD EST ATTIVA SERVIZIO DI TELERIABILITAZIONE

In tempi di Coronavirus, la tecnologia viene incontro al bisogno di continuità di cura dei pazienti e all’esigenza di non interrompere i percorsi di cura e di riabilitazione avviati. È questo il caso dell’Ausl Toscana sud est che ha attivato la piattaforma di teleriabilitazione funzionale. Duplice la funzionalità: permette ai pazienti di eseguire direttamente da casa il proprio percorso riabilitativo, accedendo alla piattaforma tramite una normale connessione internet ed un pc o una smart tv, e consente ai professionisti di monitorare in video, da remoto, i miglioramenti dei pazienti e, nel caso, variare il trattamento riabilitativo.

– DA NUOVA SAIR SOSTEGNO A FAMIGLIE CON RAGAZZI DISABILI

Il presidio di via Dionisio gestito dalla Nuova Sair a Roma continua a essere vicino ai ragazzi disabili e alle loro famiglie con un servizio di consulenza e di sostegno a distanza. Per il servizio diurno è stato attivato un numero telefonico accessibile quotidianamente a tutti i familiari: alle chiamate rispondono psicologi e terapisti e possono essere attivati interventi di tutoraggio da remoto. Per i più piccoli, seguiti in ambulatorio, i trattamenti riabilitativi proseguono con modalità innovative. Oltre 150 i ragazzi presi in carico.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

1 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»