Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Coronavirus, le richieste degli imprenditori di Roma. Arlechino: “Liquidità”

Parla il proprietario del locale e forno Giselda di viale Trastevere, a Roma, primo di una serie di imprenditori della Capitale che saranno intervistati dall'agenzia stampa Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Liquidità, liquidità, liquidità”. Questa la richiesta che arriva da Cristiano Arlechino, proprietario del locale e forno Giselda di viale Trastevere, a Roma, primo di una serie di imprenditori della Capitale che saranno intervistati dall’agenzia stampa Dire per capire lo stato di emergenza del settore del commercio nella Capitale.

“Per imprenditori abituati ad avere una buona liquidità circolante quotidiana- spiega Arlechino- l’impatto di questo periodo di crisi è stato micidiale in termini di volume. Quindi ben venga il primo strumento del Governo, ovvero la cassa integrazione, perché ci permette di salvaguardare i posti di lavoro. Dopo di che, inevitabilmente, non sono gli sgravi fiscali o altre misure simili a poterci aiutare ma, per quanto gli imprenditori non amino indebitarsi senza un fine specifico di investimento, credo sia più importante che sia dato accesso alla liquidità, che è lo strumento che ci potrebbe consentire di superare questo momento di difficoltà. Se ho un auspicio o una richiesta specifica è questa: liquidità, liquidità, liquidità“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»