Coronavirus, Fortuna: “Prima tutela della salute, poi percorso per la ripresa economica”

Fabio Fortuna, economista e rettore dell'UniCusano, è intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Ci sono due aspetti fondamentali: la tutela della salute e la questione economica. Secondo me, in questa fase, bisogna mettere al primo posto la tutela della salute“. Lo ha detto Fabio Fortuna, economista e rettore dell’UniCusano, intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus. 

“Dico questo- ha aggiunto- perche’ si levano voci di preoccupazione sull’economia, preoccupazioni assolutamente giustificate ma prima viene la salute e poi l’economia, almeno in questa fase. Se cosi’ non facessimo rischieremmo di vanificare gli sforzi che abbiamo fatto finora rimanendo nelle nostre case. I numeri ci dicono che abbiamo vinto una battaglia, siamo sulla buona strada, ma la guerra non e’ finita, non bisogna mollare la presa. Questa mattina e’ stato annunciato il prolungamento delle misure fino al 13 aprile e se sara’ necessario bisognera’ prolungarle ulteriormente. Sul fronte economico si sta agendo con il primo decreto Cura Italia, che ha guardato molto all’emergenza, ora il decreto Cura Italia 2 dovrebbe andare oltre e delineare un percorso. La cosa e’ importante e’ proprio che si delinei un percorso che dovra’ essere rispettato nel momento in cui ci saranno le condizioni per farlo. Togliere le restrizioni troppo presto rischierebbe di innescare un’epidemia di ritorno che provocherebbe alla nostra economia danni enormemente superiori rispetto a quelli che ci saranno per la sosta che stiamo vivendo. Si puo’ fare il discorso della riapertura progressiva, per attivita’ meno rischiose, ma con tutte le tutele di sicurezza del caso” ha concluso Fortuna.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»