Siciliani bloccati a Malta, sindaco Pozzallo a Musumeci: “Dia l’ok al rientro”

"Le autorità maltesi hanno autorizzato la Virtu Ferries ad effettuare una corsa speciale per domenica 5 aprile" informa Roberto Ammatuna
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – Con una nota inviata al presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, il sindaco di Pozzallo (Ragusa), Roberto Ammatuna, chiede, nel rispetto della quarantena prevista dalla normativa vigente e dell’obbligo della tracciabilità, che sia consentito a trecento siciliani bloccati a Malta “di rientrare nelle proprie residenze”. “La vicenda, come sindaco di Pozzallo, mi vede doppiamente coinvolto – scrive Ammatuna -, da una parte poichè il trasferimento di queste persone dall’Isola dei Cavalieri dovrebbe avvenire con il catamarano della Virtu Ferries che attracca al porto della mia città e dall’altra perchè della compagine fanno parte anche cittadini pozzallesi”. Ammatuna ricorda: “Si tratta di persone che hanno perso il lavoro, non hanno più i mezzi necessari al loro sostentamento e versano quindi in uno stato di completo disagio. Apprendo dall’ambasciatore d’Italia a Malta che la ministra dei Trasporti ha risposto positivamente alla sua richiesta di rimpatrio dei connazionali e che le autorità maltesi, in deroga alla loro disposizione che ha momentaneamente sospeso il traffico passeggeri, hanno autorizzato la Virtu Ferries ad effettuare una corsa speciale per domenica 5 aprile – ancora il sindaco di Pozzallo -. Le chiedo, pertanto, pur mantenendo come priorità assoluta la tutela della salute di tutti, di esprimersi positivamente per il rientro di questi nostri corregionali, che dovranno essere obbligatoriamente costretti alla tracciabilità e alle modalità di quarantena previste dalla normativa in materia”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»