Coronavirus, il decalogo dei pediatri nell’emergenza

Per famiglie, genitori ed esperti, sbarca online il decalogo con i consigli della Sip
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Con l’avvento di aprile e le nuove indicazioni fornite ieri dal ministero dell’Interno per la popolazione dei piu’ ‘piccoli’, per famiglie, genitori ed esperti, sbarca online il decalogo con i consigli della Societa’ italiana di Pediatra (Sip), fornito alla Dire dal presidente Alberto Villani: 

1. “In primis occorre organizzare la giornata secondo uno schema preciso – dal risveglio fino all’ora di andare a dormire – tutto nel rispetto di quelli che erano gli orari pre-coronavirus”.

2. Bisogna “evitare poi di tenere sempre accesa la televisione o la radio, selezionando, invece, ogni giorno cosa vedere. È molto importante- spiegano i pediatri- evitare che si guardino sempre argomenti che trattino del coronavirus”.

3. Se si dispone di spazi all’aperto – come terrazzi, giardini e cortili – si puo’ “programmare un’ora di attivita’ libera, ma sempre nel rigoroso rispetto del distanziamento sociale, che- ricordano gli esperti- non e’ necessario tra i conviventi non a rischio”. 

4. E ancora, lo spunto e’ quello di “coinvolgere i bambini nelle attivita’ domestiche, come ad esempio il riordinare. Il tutto sempre in rapporto all’eta’ del piccolo”.

5. “Coltivare o iniziare un hobby che sia una collezione, l’ascolto di musica o progetti inerenti l’arte”. Cosi’ da coinvolgere il bambino in attivita’ differenti. 

6. Insegnare loro a cucinare, in rapporto all’eta’, e a mangiare (cosa, quanto e come)”.

7. “Nel rispetto del distanziamento sociale, poi, se possibile, farsi accompagnare a fare la spesa insegnando ai bambini come si fa”. 

8. “Coltivare l’igiene personale in autonomia“, e’ un altro dei punti importanti sottolineati dalla Sip. “Dal lavaggio delle mani a quello dei denti, passando per doccia o bagno”. Inoltre, occorre insegnare ai piu’ piccoli anche “l’igiene degli ambienti, cambiare aria almeno due volte al giorno” in casa. 

9. Anche lo sport in casa assume una sua rilevanza. “Insegnare a svolgere attivita’ motoria in casa almeno un’ora al giorno” e’ importante e, “se possibile- consigliano gli esperti- farlo a finestra aperta”. 

10. Infine, l’ultimo spunto della Sip e’ quello di ‘Raccontarsi‘. “Ogni componente familiare, infatti, puo’ provare a raccontare qualcosa a turno”. 

A conclusione del decalogo da seguire per avere sempre piu’ spunti su come e’ piu’ indicato comportarsi con i bambini in queste settimane difficili, la Societa’ italiana di Pediatria fornisce, inoltre, un possibile schema della giornata – come consigliato al punto 1 – per organizzare le proprie ore e quelle dei bambini nel miglior modo possibile, in questi giorni di emergenza Covid-19. All’inizio, scrive il presidente Villani, “c’e’ la sveglia e il bagno“, a cui segue “la colazione che ricomprende lo sparecchiare, il mettere in ordine e il lavaggio dei denti”. Si passa poi a tutto il comparto “dell’igiene personale, delle attivita’ domestiche e quelle scolastiche”. Fino al contatto telefonico o video, poi, “con amici e parenti”. Ed e’ gia’ l’ora di pranzo. A questo punto il bambino “pranza e ancora una volta, aiuta a sparecchiare e mettere in ordine”. In seguito puo’ concedersi un po’ di svago. Dopo pranzo i piu’ piccoli si possono dedicare “ad attivita’ libera, dalla televisione al computer, per poi tornare alle attivita’ scolastiche” fino all’orario della merenda. Nuovamente, con la merenda, la Sip consiglia che i piu’ piccoli aiutino sempre a “sparecchiare, mettere in ordine e poi a lavarsi i denti”. Dal tardo pomeriggio in poi, ci si puo’ invece dedicare – secondo lo schema fornito dai pediatri – alle uscite di casa “dal tempo passato in cortile o in terrazzo, a quello per fare la spesa”. Per concludere, si possono guidare i piu’ piccoli “nelle attivita’ ludico-ricreative” fino all’ora di cena. Per poi riproporre la corretta “igiene personale e la lettura di un libro o di una favola” prima di andare ‘finalmente’ al letto. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»