Inps, sito in tilt nel giorno del bonus da 600 euro. Tridico: “Attaccati da hacker”

Non è un pesce d'aprile e gli utenti si sfogano sui social. E intanto c'è chi promette denunce per violazione della privacy
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Impossibile accedere al sito e violazione della privacy. È successo tutto questo in poche ore sul sito dell’Inps nel giorno del via alle domande per il bonus da 600 euro per le indennità dovute all’emergenza Covid-19 che spettano ai lavoratori autonomi, parasubordinati e subordinati.

Scattata la mezzanotte gli utenti hanno cercato di inoltrare la domanda e sono sorti i primi problemi: “Dall’una di notte alle 8.30 circa, abbiamo ricevuto 300mila domande regolari. Adesso stiamo ricevendo 100 domande al secondo. Una cosa mai vista sui sistemi dell’Inps che stanno reggendo, sebbene gli intasamenti sono inevitabili con questi numeri”, ha detto il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico

Ma la situazione in mattinata diventa ancora più critica: compilando la domanda, infatti, si accede ai dati di altre persone.

“In questo momento l’INPS sta compiendo la più grande violazione dei dati personali mai avvenuta in italia. Se compili la domanda vengono fuori i dati di altre persone. Tutto, nome, cognome, indirizzo. Ci sarà la più grande class action d’Italia contro l’Inps. Garantito”, twitta l’avvocata Cathy LaTorre.

La lezione di privacy di oggi è offerta dall’INPS: entri con il tuo ID e ti appaiono i dati personali di ignari sconosciuti”, scrive un utente. “Dopo vani tentativi riesco a collegarmi al sito e com’era prevedibile mi imbatto in disservizi e falle incredibili. Ditemi se è normale entrare nella propria area e trovare i dati di poveri ignari. Qui scattano le denunce!”. 

E c’è anche chi, in un momento di difficoltà, riesce a strappare una risata.

inps4

inps2

inps1

inps3


Precedente
Successivo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»