Tg Politico, edizione del 1 aprile 2019

https://www.youtube.com/watch?v=JkmEgKcQCWk&feature=youtu.be OCSE SEVERA SUI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA L'Ocse chiede all'Italia un programma di riforme per far ripartire la crescita e una politica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

OCSE SEVERA SUI CONTI PUBBLICI DELL’ITALIA

L’Ocse chiede all’Italia un programma di riforme per far ripartire la crescita e una politica di bilancio credibile. Il rapporto presentato al ministero dell’Economia è severo: il pil è stimato in discesa allo 0,5% mentre il deficit risale: 2,5% nel 2019 e 3% nel 2020. Bocciato il pensionamento anticipato: secondo l’Ocse le norme su Quota 100 vanno cancellate. Secca la replica del vicepremier Luigi Di Maio: “No a intromissioni, politiche di austerity le facciano a casa loro”.

DOPO VERONA SPADAFORA PROMETTE: DDL PILLON ARCHIVIATO

Scontro nel governo su famiglia e diritti. All’indomani del congresso mondiale delle famiglie di Verona, Vincenzo Spadafora assicura che il ddl del leghista Pillon non esiste piu’. Quel testo, spiega il sottosegretario pentastellato, non arrivera’ mai in aula. La deputata Pd Maria Elena Boschi attacca: le parole non bastano, va ritirato.

VIOLENZA DONNE, IL REVENGE PORN ENTRA NEL CODICE ROSSO

Occhi puntati alla Camera sul ‘Codice rosso’, il ddl del governo per la tutela delle vittime di violenza domestica e di genere. Da domani in Aula si riparte dalle votazioni sul tema del revenge porn, la diffusione per vendetta di immagini private tramite i social, al centro negli ultimi mesi del dibattito politico per alcuni casi di cronaca. Dopo la bagarre della scorsa settimana, M5s ha assicurato che la norma sarà votata.

VACCINI, MAGGIORANZA LITIGA SU OBBLIGO CERTIFICAZIONE

Cancellare l’obbligo della certificazione vaccinale per iscriversi a nidi e materne. E’ quanto chiedono Lega e 5 stelle in Senato con un emendamento che già scatena polemiche. Due parlamentari M5s, Giorgio Trizzino ed Elena Fattori, prendono le distanze chiedendo che la norma venga ritirata. “Non saremo mai complici di una morte che potrebbe essere evitata grazie all’utilizzo dei vaccini”, dicono.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»