Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giovani e innovazione, l’Angi intervista il prof. Bill Aulet

Imprenditore di successo e luminare del MIT
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nuovo importante appuntamento per ANGI – Associazione Nazionale Giovani Innovatori, sempre più protagonista sul piano internazionale e impegnata a costruire sinergie e collaborazioni con gli ecosistemi di eccellenza, che intervista il Prof. Bill Aulet, eminente figura d’élite del mondo innovazione e modello di esempio per i giovani. 

Al Prof. Bill Aulet, già Managing Director del Martin Trust Center for MIT Entrepreneurship e Professor of Practice presso il MIT Sloan School of Management, anche autore di Disciplined Entrepreneurship: 24 Steps to a Successful Startup, protagonista dell’incontro dedicato ai giovani imprenditori ed innovatori, un ringraziamento speciale per il prezioso contributo.

“Siamo onorati di aver preso parte a questo importante incontro con il prof. Bill Aulet, imprenditore e luminare del MIT. I giovani sono il futuro e l’innovazione deve essere al centro dell’agenda dell’Italia e con ANGI siamo orgogliosi di poterla rendere sempre più protagonista a favore dei giovani”.

Si ringrazia in particolare la John Cabot University, e Licia Ottavi, membro del consiglio di presidenza ANGI per il prezioso supporto alla realizzazione dell’intervista.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»