Covid, Omceo Roma: “Chiusura scuole? Ci sono varianti, bambini vettori efficaci virus”

Lo dice il presidente Antonio Magi, in merito al rischio di chiusura delle scuole nel Lazio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono pienamente d’accordo con l’assessore D’Amato, purtroppo la situazione è quella che è e le varianti stanno girando molto nelle scuole“. Così il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, in merito al rischio di chiusura delle scuole nel Lazio per contenere la diffusione del virus, di cui oggi ha parlato anche l’assessore alla Sanità della Regione, Alessio D’Amato, a margine dell’avvio dei tamponi per gli studenti dell’Università Sapienza di Roma.

LEGGI ANCHE: D’Amato: “Nel Lazio rischio concreto di chiusura scuole”

“Si è abbassata molto l’età degli infettati, quella media è di 44 anni, e i bambini sono vettori terribilmente efficaci per quanto riguarda la diffusione del virus- prosegue Magi- perché quando tornano a casa incontrano i genitori e i nonni i parenti ed è proprio lì, nelle case, che si abbassa la nostra capacità di difesa perché togliamo le mascherine e non rispettiamo più il distanziamento”.

Per Magi allora “bisogna intervenire in qualche modo”, perché la scuola rappresenta un “luogo di diffusione del virus e quindi un motivo di allarme. Anche durante la stagione influenzale la scuola è uno dei primi vettori di contagio“. Ed è “difficile convincere i più giovani a mantenere la mascherina, a non abbassarla, a non toccarla e ad igienizzarsi sempre le mani- sottolinea ancora Magi- far rispettare queste regole diventa poi molto complesso soprattutto per quanto riguarda i bambini più piccoli“. Dobbiamo insomma “evitare che il virus circoli, specialmente in un momento come questo in cui ancora non abbiamo un numero sufficiente di vaccini”, aggiunge Magi, che si dice infine “molto preoccupato” per gli assembramenti a cui stiamo assistendo nei fine settimana.

400 MEDICI NEL LAZIO ANCORA DA VACCINARE

“Circa 400 medici nel Lazio non sono ancora stati vaccinati o perché hanno patologie per le quali, se sono al di sotto dei 65 anni, non possono ricevere le dosi di AstraZeneca ma solo quelle di Pfizer o Moderna, o perché, e sono molti, non sono ancora stati chiamati”. Risponde così il presidente dell’Ordine dei medici di Roma interpellato in merito ai medici vaccinati nel Lazio.

DOSI INSUFFICIENTI, APPENA ARRIVERANNO 4.354 MEDICI SARANNO OPERATIVI

“Continuiamo giustamente ad aprire le campagne vaccinali a tutti quanti e il prima possibile ma il problema è che il numero dei vaccini non è sufficiente. È come se invitassimo tante persone a cena ma con un solo piatto di pasta da dividere per tutti”. Risponde così il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, in merito all’avvio delle vaccinazioni anti-Covid dai medici di medicina generale.
“Voglio far notare che ogni medico di famiglia avrebbe a disposizione soltanto due fiale per fare le vaccinazioni- prosegue Magi- che corrispondono alla possibilità di vaccinare pochissime persone, quindi non si inciderebbe comunque in maniera importante sul problema”. Appena arriveranno i vaccini, conclude Magi, i “4.354 medici di famiglia nel Lazio saranno tutti quanti operativi al 100%”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»