Il Veneto accelera le vaccinazioni: dosi accantonate, ora mollare i freni

Luciano Flor
Il direttore della Sanità regionale spiega che grazie alla scorta fatta, ora sarà possibile velocizzare la campagna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – “Da oggi somministreremo tutti i vaccini che arrivano perché abbiamo fatto la scorta dei 21 giorni”. Lo annuncia il direttore della sanità veneta Luciano Flor, oggi in conferenza stampa dalla sede della Protezione civile a Marghera. “Abbiamo fatto scorta in base ai vaccini arrivati finora, d’ora in avanti possiamo pensare di accelerare molto perché abbiamo accantonato e ora abbiamo la certezza che se non arrivassero i vaccini per tre settimane possiamo garantire comunque la seconda dose a tutti quelli che hanno ricevuto la prima”, spiega Flor. “Mi viene da dire che molliamo un po’ i freni“, conclude il direttore della sanità regionale ipotizzando che “di qui a fine marzo somministreremo circa 370.000 dosi”.

DALLA PROSSIMA SETTIMANA VACCINI ANCHE AI CENTENARI

Dopo le polemiche delle scorse settimane per la decisione della Regione Veneto di iniziare la campagna vaccinale degli over 80 dai soggetti più giovani, quindi dagli 80enni, andando poi a salire, oggi il presidente della Regione Luca Zaia annuncia che dalla prossima settimana inizierà in parallelo la vaccinazione dei centenari, a partire dall’ultima classe vaccinabile, ovvero quella dei soggetti fino a 110 anni. Così “abbiamo preso i due estremi e procediamo fino a che si ricongiungono“, spiega Zaia. In sostanza, da un lato si vaccina dagli 80enni in su e dall’altro da 110 anni in giù, fino ad aver vaccinato tutti gli over 80. “Sono tutte classi di età non affollatissime e quindi si va via veloci”, conclude Zaia.

LEGGI ANCHE: Zaia: “Sulle vaccinazioni il Veneto è sotto la media? Per scelta prudenziale”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»