Vaccino, Pregliasco: “Esiste una via d’approvazione emergenziale per Sputnik”

fabrizio pregliasco
"Ma qui si tratta di avere un'autorizzazione da Ema su una base più ampia di dati", dice l'infettivologo e direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi di Milano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “C’è una normativa che ci consente di avere, in via rapida ed emergenziale, il vaccino Sputnik ma qui si tratta di avere un’autorizzazione da Ema su una base più ampia di dati: un processo di analisi più adeguato rispetto ai dati sul vaccino pubblicati, per ora, su alcune riviste scientifiche autorevoli, come Lancet. Poi va verificato se hanno effettivamente le dosi del vaccino in Russia, perché non mi sembra dalle informazioni in mio possesso che le autorità russe stiano vaccinando a tappeto”. Queste le parole di Fabrizio Pregliasco, infettivologo e direttore sanitario dell’Irccs Galeazzi di Milano, intervenendo a ‘L’aria che tira‘ su La7.

SPAVENTA IDEA ACQUISTO DOSI DA CHI PUÒ SPENDERE

“Sono un po’ spaventato dalla proposta di far acquistare i vaccini a pagamento a chi può permetterseli: perché i vaccini sono pochi. Sembra di rivivere la fase della mancanza di mascherine ad inizio epidemia. Come sarà per le vaccinazioni influenzali, più avanti potrebbe essere considerata questa proposta, ma appunto più in là, quando avremo i vaccini”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»