Spari sui dimostranti in Myanmar, nuove accuse per San Suu Kyi

myanmar
Il Paese è giunto ormai al 28esimo giorno di proteste contro il golpe. Secondo una blogger la città di Mandalay si sarebbe autodichiarata indipendente dal governo dei militari e fedele all'esecutivo eletto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In Myanmar due nuovi capi di accusa sono stati formulati nei confronti dell’ex consigliera di Stato del Myanmar, Aung San Suu Kyi, rimossa da un colpo di Stato militare e arrestata l’1 febbraio. A comunicarlo alla stampa è stato il legale di Suu Kyi, Min Min Soe, mentre il Paese è giunto ormai al 28esimo giorno di proteste contro il golpe. Secondo l’avvocato, la ex dirigente del governo eletto a guida National League of Democracy (Nld) è stata ascoltata ieri in videoconferenza dai giudici ed è apparsa in salute.

Suu Kyi, insignita del premio Nobel per la pace nel 1991, è stata accusata di aver violato una legge risalente al periodo coloniale che penalizza la diffusione di informazioni lesive dell’ordine pubblico e un provvedimento relativo relativo alle telecomunicazioni. La ex consigliera era già stata accusata di aver importato illegalmente radio walkie-talkie rinvenute nella sua abitazione e di aver violato una legge sulla gestione delle calamità naturali. Continuano intanto le proteste contro il golpe. Nel fine settimana, stando a fonti non sempre concordanti, tra i sette e i 20 manifestanti sono state uccisi dalle forze dell’ordine in almeno cinque diversi stati del Paese. Secondo la blogger statunitense di origini birmane Aye Min Thant, che risiede in Myanmar e sta pubblicando su Twitter un aggiornamento quotidiano delle proteste, l’amministrazione della città di Mandalay, la seconda più popolosa del Paese, si sarebbe autodichiarata indipendente dal governo dei militari e fedele all’esecutivo eletto. Ieri il portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite, Stephane Dujarric, ha definito “inaccettabile” l’uso della forza letale da parte dei militari e ha chiesto alla comunità internazionale di “mandare un chiaro messaggio” alla giunta dell’esercito.

SUOR ANN IN GINOCCHIO PER FERMARE LA VIOLENZA DELLA POLIZIA

In ginocchio sull’asfalto, le mani giunte in preghiera, davanti un plotone di poliziotti schierati con caschi e manganelli: scatti dal Myanmar, dove a chiedere agli agenti di fermare la repressione è stata anche una suora cattolica.

Del suo gesto ha riferito il cardinale Charles Bo, l’arcivescovo di Yangon. Ieri, in un giorno segnato dagli spari sui manifestanti che protestavano contro la giunta militare che ha assunto il potere il mese scorso, la religiosa si è interposta tra i giovani dimostranti e i poliziotti. “Ci sono state rivolte in tutto il Paese” ha scritto monsignor Bo su Twitter. “La polizia sta arrestando, picchiando e anche sparando sulla gente: in lacrime, suor Ann Nu Thawng chiede agli agenti di fermarsi“. Secondo monsignor Bo, grazie al gesto della religiosa, delle missionarie di San Francesco Saverio di Myitkyina, “un centinaio di manifestanti è riuscito a scappare“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»