Covid, Franceschini: “Sì ai ristori anche con riaperture, Fus senza parametri”

dario franceschini
Il ministro: "Continueremo a sostenere e a dare ammortizzatori sociali finché la crisi durerà o con chiusure obbligate o con aperture limitate"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nel mondo della cultura ho notato una certa preoccupazione, c’è chi dice che con le riaperture scompariranno i ristori. No, non è così. Intanto erogheremo il Fondo unico dello spettacolo, come abbiamo fatto nel 2020, indipendentemente dalla riapertura o meno o dal fatto di fare un certo numero di spettacoli o di rispettare i parametri che ci sono ordinariamente. Quindi continueremo a sostenere e a dare ammortizzatori sociali finché la crisi durerà o con chiusure obbligate o con aperture limitate”. Lo ha detto il ministro della Cultura, Dario Franceschini, intervenuto a Non stop news, su Rtl 102.5.

LEGGI ANCHE: Franceschini annuncia: cinema e teatri aperti dal 27 marzo in zona gialla
Covid, Luca Zingaretti: “Le istituzioni studino protocolli per riaprire i teatri”

“Dall’inizio dell’epidemia- ha ricordato- abbiamo stanziato circa 2 miliardi di fondi per i lavoratori dello spettacolo e del cinema. Il settore non ha mai avuto nessun tipo di ammortizzatore sociale, non c’era cassa integrazione“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»