Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Coronavirus, 34 decessi e oltre 1500 contagiati: il 51% in isolamento con sintomi lievi

Continua a salire il numero dei contagiati da coronavirus: il 9% è in terapia intensiva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “Sono 34 i decessi per coronavirus in Italia. Il totale delle persone che attualmente sono contagiate è 1577. Di questi, 798, ovvero il 51% del totale, sono in isolamento domiciliare senza sintomi o con sintomi lievi. Sono 639, ovvero il 41%, i ricoverati con sintomi, mentre sono 140, il 9% del totale, i ricoverati in terapia intensiva. Di questi, 106 sono ricoverati in Lombardia. Il numero dei tamponi effettuati è di oltre 21 mila”. Così il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, durante l’aggiornamento quotidiano sulla diffusione del coronavirus in Italia.

Le persone guarite, invece sono 83. “Si tratta di 33 unita’ in piu’ rispetto a ieri”, osserva Borrelli. Rispetto ai 34 decessi, si precisa che la morte “non e’ stata ancora accertata per nessuno dei casi dal parte dell’Istituto superiore della Sanita’”.

ECCO IL DECRETO ADOTTATO DAL GOVERNO

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha adottato oggi un proprio decreto, in corso di pubblicazione, che recepisce e proroga alcune delle misure gia’ adottate per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 e ne introduce ulteriori, volte a disciplinare in modo unitario il quadro degli interventi e a garantire uniformita’ su tutto il territorio nazionale all’attuazione dei programmi di profilassi.

Il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri (dpcm) e’ stato adottato, in attuazione del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, su proposta del Ministro della salute, Roberto Speranza, sentiti i Ministri competenti e i Presidenti delle Regioni, e tiene conto delle indicazioni formulate dal Comitato tecnico-scientifico appositamente costituito.

ECCO IL TESTO COMPLETO

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»