Elezioni, Battistoni (Fi): “Serve un fisco più giusto”

"Con la misura che abbiamo nel nostro programma avremo un'Agenzia delle entrate vicina al contribuente"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La situazione attuale per quel che riguarda il fisco dice che, “un giorno qualcuno si può presentare alla porta di un cittadino e dirgli che non ha pagato l’Imu. E se quest’ultimo non si è conservato il bollettino è costretto a ripagare l’imposta“. Non solo, “se l’Agenzia delle entrate ti chiede dei soldi in più perchè il tuo stile di vita secondo loro è superiore al tuo reddito, a meno che tu non riesca a dimostrare il contrario, sei costretto a saldare”. A questo proposito, “noi vogliamo far percepire lo Stato come più giusto e amico. E questo sarà possibile con l’abolizione dell’inversione dell’onere della prova fiscale che metteremo in atto quando andremo al Governo”. A sostenerlo è Francesco Battistoni, candidato di Forza Italia al Senato nel collegio di Viterbo e Civitavecchia.
“L’Agenzia delle entrate- ha aggiunto Battistoni- formula le proprie condanne e le proprie pretese su ipotesi. Al cittadino l’onere di dimostrare il contrario. Con la misura che abbiamo nel nostro programma andremo a ripristinare le parti e avremo un’Agenzia delle entrate vicina al contribuente“.
“Gli italiani- ha concluso il candidato del centrodestra- sono un popolo che risparmia e paga le tasse. Se però ti vengono imputate alcune cose e tu sei sicuro di aver fatto il tuo dovere resti sconcertato. Questi provvedimenti invece vanno nella direzione di migliorare il rapporto tra Stato e cittadino”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»