Cooperazione, con ‘Junior officers’ l’Italia investe nei giovani

Quest'anno saranno finanziate ben 40 posizioni: un record, rispetto alle 10-15 degli ultimi anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Cooperazione italiana investe sui giovani e quest’anno, addirittura, raddoppia: lo dicono i numeri del programma Junior Professional Officers (Jpo), ideato per favorire l’inserimento dei nostri giovani talenti nelle agenzie e nelle organizzazioni dell’Onu. Per l’edizione 2016-2017, apprende la DIRE, saranno finanziate ben 40 posizioni. Un balzo in avanti senza precedenti dopo gli ultimi anni, quando a causa di restrizioni finanziarie non si era potuto andare oltre le 10-15 unità. La premessa è che il sostegno dell’Italia alle Nazioni Unite per l’attuazione dell’Agenda 2030 e il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sdgs) è significativo, sia dal punto di vista politico che finanziario. Uno strumento di rilievo, in questo contesto, è rappresentato dal Jpo. Sin dai primi anni ’70, il programma permette al nostro Paese di sostenere l’Onu valorizzando il proprio capitale umano: laureati brillanti che prestano servizio per due anni presso il segretariato delle Nazioni Unite, le agenzie specializzate, i fondi e i programmi. Lo scopo del Jpo è duplice. Oltre a favorire le attività di cooperazione, il programma consente ai giovani professionisti di vivere esperienze che ne favoriscano il reclutamento da parte delle organizzazioni internazionali. Il primo passo per quanti siano interessati è presentare la domanda tramite il portale di Undesa, il Dipartimento per gli affari economici e sociali delle Nazioni Unite, che cura la selezione italiana attraverso il suo ufficio a Roma. Le candidature riguardano il programma in generale, non le specifiche posizioni, che sono scelte solo in una fase successiva dal ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale. Il bando viene pubblicato anche sul sito della Farnesina.

I requisiti perché la domanda sia valida sono la cittadinanza italiana, un’ottima conoscenza delle lingue italiana e inglese, il possesso di un titolo di laurea magistrale/specialistica o di una laurea di primo livello seguita da un master universitario. Al momento della presentazione della candidatura, infine, l’età non deve superare i 30 anni (33 per i medici). La selezione è competitiva e meritocratica. Ogni anno le domande sono in media più di 3000, nel 60 per cento dei casi presentate da donne. Tutti i profili sono valutati anche sulla base delle caratteristiche delle specifiche posizioni disponibili. I titoli di studio, la conoscenza delle lingue e le esperienze internazionali, in particolare nei Paesi in via di sviluppo, sono elementi importanti per una candidatura di successo. La prima tappa è una shortlist di non più di otto giovani per ciascuna posizione. I candidati sono intervistati direttamente dal personale dagli organismi beneficiari che sceglieranno i futuri Junior Professional Officers. I colloqui avvengono per via telematica, per consentire anche ai candidati che si trovino all’estero di partecipare senza oneri eccessivi. I vincitori frequentano un corso di formazione di due settimane presso lo ‘Un System Staff College’ di Torino, a settembre. Poi partono per le proprie destinazioni, dove resteranno in servizio due anni. I Jpo sono considerati ‘Un Professional Staff’ a tutti gli effetti.

Nei 40 anni della sua attività il programma è divenuto una delle iniziative multilaterali prioritarie e di maggiore visibilità della Cooperazione italiana, assumendo un ruolo strategico per la valorizzazione delle risorse umane del nostro Paese a livello internazionale. Un risultato possibile grazie alla qualità e al talento dei candidati selezionati. Più del 70 per cento dei Junior Professional Officers hanno trovato una collocazione a tempo determinato nelle organizzazioni internazionali; nel lungo periodo, oltre il 60 per cento è entrato nei ranghi delle stesse strutture in modo stabile. A vari livelli e nell’indipendenza delle loro funzioni, oggi questi professionisti rappresentano l’Italia in decine di organizzazioni internazionali, alcuni in posizioni apicali. In molti continuano a occuparsi di cooperazione in istituzioni pubbliche, private e non governative. Al Jpo si affianca un altro programma, Un Fellowship, ideato per candidati con meno di 28 anni, selezionati per servire 11 mesi come borsisti presso organismi internazionali o sedi estere dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics). Anche in questo caso, il bando è pubblicato sui siti di Undesa e del ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale. Un Fellowship offre ai giovani selezionati anche un’opportunità per consolidare il proprio curriculum; magari diventando poi anche Junior Professional Officers.

di Vincenzo Giardina, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»