“Danneggiano la salute e l’ambiente”: Coca Cola e Pepsi bandite nel sud dell’India

ROMA - Coca-Cola e Pepsi al bando nel sud dell'India:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Coca-Cola e Pepsi al bando nel sud dell’India: il divieto è stato imposto dai negozianti dello Stato di Tamil Nadu, convinti che le note bibite gassate siano dannose per la salute e consumino acqua preziosa per l’agricoltura.

A coordinare la protesta sono due sindacati, secondo i quali da oggi il divieto è rispettato da oltre un milione di venditori. Sugli striscioni esposti da alcuni negozianti, fotografati e rilanciati sui social network, si legge: “Basta Coca-Cola e Pepsi, meglio acqua e succo di cocco“.

Secondo Tha Vellaiyan, presidente di uno dei sindacati promotori del divieto, le bibite incriminate “non fanno bene alla salute a causa dell’alto contenuto di zuccheri e conservanti chimici”. All’origine del bando c’è però anche un consumo di acqua giudicato eccessivo, che condizionerebbe l’irrigazione dei campi in settimane di grave siccità.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»