Indagine Consip, arrestato l’imprenditore Alfredo Romeo

La misura è stata emessa dall’Ufficio Gip del Tribunale di Roma su richiesta della locale Procura della Repubblica in relazione ad un episodio di corruzione in ambito Consip
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dalle prime ore di questa mattina, i militari del Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente, del Comando Provinciale Carabinieri di Napoli e del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Napoli stanno dando esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico dell’imprenditore campano Alfredo Romeo.

La misura è stata emessa dall’Ufficio Gip del Tribunale di Roma su richiesta della locale Procura della Repubblica in relazione ad un episodio di corruzione in ambito Consip.

La Consip è la centrale acquisti della Pubblica amministrazione italiana. Nella stessa inchiesta che ha portato all’arresto di Romeo sono indagati il ministro Luca Lotti, Tiziano Renzi, padre dell’ex presidente del Consiglio Matteo, il generale dei carabinieri Tullio Del Sette e il comandante dell’Arma Emanuele Saltalamacchia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»