Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Matera 2019. Bando per città partner in Argentina

BUENOS AIRES - “La direzione dell’Italia nel 2019 sarà rappresentata da Matera e i
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

materaBUENOS AIRES – “La direzione dell’Italia nel 2019 sarà rappresentata da Matera e i riflettori dell’Italia, dell’Europa e del mondo e soprattutto di quel mondo dove sono presenti comunità lucane e italiane per noi saranno fondamentali”. Così il presidente del Consiglio regionale, Piero Lacorazza alla presentazione da parte del direttore della Fondazione Matera-Basilicata 2019, Paolo Verri, del bando per la ricerca della città partner di Matera 2019.
“Le visite del presidente Renzi e del ministro Franceschini qui a Buenos Aires – ha affermato Lacorazza – indicano che ci si sta incamminando verso una nuova relazione tra l’Italia e l’Argentina, più feconda e ricca di opportunità. Anche per questo abbiamo scelto Buenos Aires come sede per svolgere l’Assemblea annuale della Commissione regionale Lucani nel mondo, in segno di affetto e vicinanza al popolo argentino e soprattutto alle comunità lucane e italiane presenti in questo bellissimo paese”.
“Nel cammino che ci attende verso il 2019- ha aggiunto- vogliamo coinvolgere i tantissimi lucani che vivono all’estero. E’ per questo motivo che stiamo individuando una serie di città partner nel mondo, di cui 20 in Italia, 27 in Europa, 5 nel mondo, 52 in tutto, una per ognuna delle settimane che comporranno l’anno da capitale”. Lo ha detto il direttore della Fondazione Matera-Basilicata 2019, Paolo Verri rivolgendosi alla platea dell’Istituto italiano di cultura di Buenos Aires il bando per l’individuazione della città argentina partner di Matera Capitale della cultura europea 2019″.
Sul territorio sudamericano – ha spiegato Verri – si è deciso di individuare l’Argentina come nazione all’interno della quale selezionare la città partner, in virtù del forte legame con l’Italia anche grazie alla presenza straordinaria di emigrati e di famiglie di origine italiana. Inoltre all’interno della comunità italiana, la comunità lucana spicca per continuità di tradizione e per qualità di attività e di promozione della cultura italiana e della Basilicata”.
Potranno presentare la propria candidatura tutte le municipalità ricadenti nel territo argentino. Le città che intendano candidarsi ad essere partner di Matera 2019 dovranno presentare un progetto (spettacolo o contenuto culturale) in linea con i contenuti del dossier di Matera 2019, ispirato al concetto di #openfuture, con particolare attenzione al cluster progettuale “Radici e percorsi” e dichiarare la propria disponibilità ad ospitare uno dei 70 progetti presenti nel dossier di candidatura.

   Le città interessate dovranno, inoltre, selezionare dei propri ambasciatori ufficiali di Matera 2019 in accordo con la Fondazione Matera Basilicata 2019 e dei volontari perché promuovano, in lingua spagnola, le attività di Matera 2019 e della città partner sia on line, quali membri ufficiali del web team di Matera 2019, sia off line, con eventi e manifestazioni direttamente organizzate e finanziate sul territorio argentino e del sud America. Le municipalità dovranno anche collaborare al fund raising generale della manifestazione, individuando progetti specifici da sostenere nell’ambito delle attività di Matera 2019 e proporre attività ultronee partecipando alle attività on line della community Matera 2019.
La città prescelta sarà ospite per una settimana nel corso del 2019 in un’area selezionata della città di Matera. Verrà, eventualmente, anche valutata la possibilità che la suddetta città sia ospitata con mostre ed attività in uno degli altri 130 comuni della Basilicata, a partire dal capoluogo di regione, Potenza. La città avrà il titolo di partner ufficiale di Matera 2019 – Capitale europea della cultura e potrà utilizzarne il logo in tutte le proprie manifestazione culturali ufficiali.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»