Mozambico, la Nigeria offre aiuto nella lotta alle milizie jihadiste

Lo scorso agosto milizie armate che si sono dette affiliate al gruppo Stato islamico (Isis) hanno preso il controllo del porto di Macimboa da Praia, dal quale conducono incursioni nel nord di Mozambico e anche oltre confine, in Tanzania
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Brando Ricci

ROMA –La Nigeria è pronta a sostenere le forze armate del Mozambico nel contrasto alle milizie che da mesi occupano alcune località di Cabo Delgado, provincia settentrionale ricca di giacimenti di gas naturale. A renderlo noto è il ministro degli Esteri di Abuja, Geoffrey Onyeama, che si è recato in visita in Mozambico nel fine-settimana.

Il dirigente, che ha incontrato anche il primo ministro di Maputo, Carlos Agostinho do Rosario, ha affermato che la Nigeria è disposta a condividere con il Mozambico l’esperienza maturata nella lotta al gruppo armato Boko Haram. Non sono disponibili dettagli né sui tempi né sulle modalità di questo supporto. Onyeama si è recato nei giorni scorsi anche in Sudafrica con l’obiettivo di promuovere la candidatura della Nigeria alla presidenza del Consiglio pace e sicurezza dell’Unione Africana (Ua). Il voto per eleggere la guida dell’organismo, per la quale si sono candidati anche Burkina Faso, Tanzania e lo stessa Sudafrica, è previsto la prossima settimana.

Lo scorso agosto milizie armate che si sono dette affiliate al gruppo Stato islamico (Isis) hanno preso il controllo del porto di Macimboa da Praia, dal quale conducono incursioni nel nord di Mozambico e anche oltre confine, in Tanzania.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»