Tg Politico Parlamentare, edizione dell’1 febbraio 2021

I titoli e il tg politico parlamentare della Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CROLLA IL LAVORO, RISCHIO BOMBA SOCIALE

Giovani, donne, precari, partite Iva. Ecco chi ha pagato la crisi. I numeri dell’Istat sul 2020 fotografano l’impatto dell’emergenza sanitaria sul lavoro: a dicembre si registra un calo di 101 mila unità. Dall’inizio della pandemia i posti in meno sono quasi 430 mila. Il tasso di disoccupazione sale al 9% e per i giovani sfiora il 30%. Un vero e proprio crollo del mercato del lavoro, nonostante il blocco dei licenziamenti e la cassa integrazione. La Confesercenti evidenzia come i ristori ai piccoli imprenditori non siano bastati a impedire l’emorragia. La Cgil lancia l’allarme: “Se a primavera non verrà prorogato lo stop ai licenziamenti, il rischio sarà quello di trovarsi davanti a una vera e propria bomba sociale”.

ULTIME ORE PER SALVARE IL GOVERNO CONTE

La maggioranza in cerca di una soluzione alla crisi, che si e’ aperta con le dimissioni delle ministre di Italia Viva dal governo. Alla Camera si riuniscono i capigruppo parlamentari per definire le condizioni politiche che consentano al presidente Roberto Fico di salire al Quirinale e riferire sul mandato esplorativo. Per dirla con Bruno Tabacci di Centro Democratico, bisogna evitare il commissariamento del Parlamento. Il Pd chiede di intervenire sulle politiche attive per il lavoro, con un ammortizzatore unico per assicurare la parità salariale e la piena occupazione femminile. Matteo Renzi annuncia il sostegno a un governo dei capaci e meritevoli, ma resta da sciogliere il nodo della premiership. Sara’ Giuseppe Conte il nome che verra’ fuori dal colloquio tra Fico e il capo dello stato Mattarella al Quirinale? “Vediamo, dipende da come finisce la discussione”, la risposta da Italia Viva.

COVID, RICHIAMO VACCINO PER 620MILA ITALIANI

In Italia finora sono state somministrate due milioni di dosi di vaccino contro il coronavirus mentre sono 620mila gli italiani ad aver fatto anche il richiamo. Cosi’ l’Italia precede la Germania ferma a 400mila richiami. Intanto già da questa settimana, in anticipo rispetto all’8 febbraio, potrebbe arrivare nel nostro Paese il primo stock da quasi 430mila dosi di Astrazeneca, il terzo vaccino a disposizione dopo Pfizer e Moderna che Aifa ha raccomandato per persone sotto i 55 anni. Entro Pasqua, sottolinea invece l’Agenzia europea del farmaco, i farmaci a disposizione potrebbero diventare cinque grazie ai buoni risultati ottenuti in fase sperimentazione dal monodose di Johnson and Johnson e dal Novavax.

RUSSIA, ARRESTATI 5.000 SOSTENITORI DI NAVALNY

Sono oltre 5.300 i dimostranti arrestati in Russia durante le manifestazioni per la liberazione di Alexei Navalny. Tra questi c’è la moglie dell’attivista russo. “Con teppisti e provocatori non c’è dialogo possibile”, dice il Cremlino, che appoggia l’intervento “duro” della polizia. Navalny è stato arrestato due settimane fa al suo ritorno dalla Germania, dove era stato curato per l’avvelenamento da agente nervino del quale considera responsabile il Cremlino. Accusato di frode, l’oppositore di Putin rischia di trascorrere dai due anni e mezzo ai tre in carcere. Il tribunale di Mosca deciderà se annullare o meno la sospensione per quella condanna. Nuove manifestazioni sono attese all’esterno del tribunale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»