Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Lopalco: “Italia ‘in giallo’? Il virus ringrazia”

Per l'assessore regionale alla sanità della Puglia "lasciare al coronavirus la briglia sciolta in questo momento può essere un errore imperdonabile"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Quasi tutto il Paese si colora di giallo. Il virus ringrazia”. Lo scrive sui social l’assessore regionale alla sanità della Puglia, Pier Luigi Lopalco. “La scelta del Governo è inappuntabile – evidenzia – c’è una regola condivisa e in base all’algoritmo l’Italia è gialla. Punto. Eppure il segnale che questo algoritmo, tutto incentrato su Rt, facesse acqua era già evidente quando, davanti alla possibilità che l’Italia si colorasse di giallo già diverse settimane fa, le soglie per il passaggio da una fascia all’altra erano state modificate al ribasso. A quanto pare non è bastato. Quando in tutta Europa, di fronte alle incertezze derivate dalle nuove varianti e nel pieno dell’inverno, si decide di stringere le misure, nel nostro Paese ci si affida in modo pilatesco ad un algoritmo per allentare le misure – continua -. Basteranno gli inviti alla prudenza dei cittadini? Dubito. Le scene registrate in dicembre quando molte regioni (fra cui la Puglia) passarono in zona gialla le ricordiamo tutti. Lo so che sarò impopolare, ma lasciare al virus la briglia sciolta in questo momento può essere un errore imperdonabile”, conclude l’epidemiologo. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»