Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Firenze, in una settimana gli Uffizi hanno accolto 7.300 visitatori

uffizi riapertura
Continua a crescere il numero di persone che ogni giorno visitano la Galleria, riaperta il 21 gennaio dopo 77 giorni di chiusura: il più lungo silenzio dalla fine della Seconda guerra mondiale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – La cifra è tonda: 7.300 visitatori in sei giorni. Con un trend di crescita quotidiana pressoché continuo: è andata così la prima settimana effettiva di riapertura al pubblico degli Uffizi, dopo 77 giorni di chiusura del museo: il più lungo silenzio, in Galleria, dalla fine della Seconda guerra mondiale.

Il 21 gennaio, quando il direttore Eike Schmidt ha spalancato nuovamente il portone tornando ad accogliere i visitatori, le presenze sono state 776. Un numero considerevole, tenuto conto della sostanziale assenza sia del pubblico estero che extra toscano, per via dell’attuale divieto di spostamenti tra le regioni. Numero che che il giorno successivo, 22 gennaio, è balzato a 1.167, salendo martedi 26 gennaio a quota 1.293 (nel weekend i luoghi della cultura restano ancora off limits, e il lunedi è il tradizionale giorno di chiusura nel complesso museale). Il 27 i visitatori sono stati 1.360, mentre giovedi 28 si è registrata una lieve flessione, con 1.164 ingressi, subito interrotta il giorno dopo, venerdi 29, dal picco massimo di questi primi sei giorni di apertura: 1.540 persone. “Siamo veramente soddisfatti di questa risposta entusiasta da parte del pubblico, una partecipazione che testimonia come i musei siano parte imprescindibile dell’animo fiorentino e toscano- commenta il direttore Eike Schmidt- speriamo che la situazione dei contagi cali e che le misure del governo possano presto consentirci di restare aperti anche nei fine settimana”.

LEGGI ANCHE: La calciatrice viola Tessel Middag in visita agli Uffizi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»