Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Scuola, all’Alberti street art per decorare i cantieri del restauro/FOTO

I disegni sono stati realizzati dagli studenti del liceo artistico sui pannelli che coprono i cantieri per il restauro della facciata della succursale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Gli ‘uomini-semaforo‘ si accendono ed esprimono le emozioni con i loro colori. Altri rimangono spenti, riescono solo ad attraversare la città. Sono raffigurati così, all’angolo tra Borgo Santa Croce e via Magliabechi, sui pannelli che coprono i cantieri per il restauro della facciata della succursale del liceo artistico Alberti. Oggi studenti, docenti, il consigliere delegato della metrocittà alla Rete scolastica Giampiero Mongatti e il dirigente scolastico del liceo hanno ufficialmente inaugurato “Le luci della città”, frutto dei “Cantieri Artistici“, un’iniziativa culturale nata da una proposta della direzione gestione immobili della Città metropolitana di Firenze con la finalità di riqualificare le recinzioni dei propri cantieri, trasformandole da semplici superfici anonime ed anti-estetiche a occasioni per creare interventi di arte contemporanea che dialoghino con la città.

Le opere così possono entrare in stretta correlazione con il contesto urbano e sociale. Dopo l’esperienza positiva sperimentata al Liceo Machiavelli Capponi in Piazza Frescobaldi, anche questa volta l’installazione è stata realizzata in un istituto scolastico. L’installazione inaugurata è stata realizzata dagli studenti del corso di pittura sotto la supervisione del docente Alessandro Casati, sviluppando la proposta di Arianna Lentini, studentessa del quinto anno del Liceo. L’opera, che trae ispirazione dalla ‘street art’, rielaborando la tecnica dello stencil, esprime simbolicamente la fusione dell’uomo con l’ambiente urbano, rendendo i personaggi degli ‘ibridi uomo-semaforo’ che proiettano le loro emozioni tramite il segnale luminoso.

di Diego Giorgi, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»