Dietro i nomi impronunciabili dei mobili Ikea, la cultura scandinava

Nomi che appaiono assurdi hanno, in realtà, un senso logico. Eccolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Mobili Ikea nomiROMA – Nomi stravaganti che abbiamo imparato a conoscere quelli dei mobili Ikea. Nomi difficili da pronunciare, da memorizzare e da raccontare. Nomi che albergano in tantissime case del mondo ma, che continuano, nonostante tutto, ad apparire astrusi e incomprensibili. Eppure dietro il battesimo di ciascuna creazione Ikea c’è un senso logico. Tutto è legato alla cultura scandinava.

Mobili Ikea nomi che fanno impazzire e sorridere

A svelare le modalità di assegnazione dei nomi alle creazioni Ikea è il designer Jon Karlsson. Tutto sembra essere nato da un’intuizione del patron della grande casa svedese, Ingvar Kamprad. Il fondatore, infatti, aveva grosse difficoltà a memorizzare codici e numeri da qui l’idea di battezzare ogni sua creatura con un nome facilmente riconoscibile. Anche la scelta dei singoli nomi non è casuale. Si assegnano per attinenza allo stile, al contesto. Un esempio è la nuovissima bicicletta lanciata dall’azienda. Si chiama ‘Sladda’, che in svedese significa scivolare, pattinare. Ma questo non è che un esempio. Il macinino per le spezie, solo per citare un altro prodotto, si chiama ‘Krossa’, che significa ‘schiacciare’ o ‘macinare’.

Mobili Ikea, nomi fiori, piante, cose e città

Le creazioni Ikea prendono i lori nomi anche da nomi, cose, fiori e città rigorosamente scandinavi. Quindi, dietro le parole impronunciabili, nessuna fantasia. I tappeti ad esempio prendono il nome da città e paesi della Danimarca o della Svezia. I nomi della biancheria per il letto sono di ispirazione floreale. Gli arredi da giardino si rifanno, invece, ai nomi delle isole della Svezia. Per la cucina i creativi si rifanno a pesci, funghi e aggettivi. Per le lampade e i lampadari in soccorso i nomi del calendario e delle stagioni. Non mancano, poi, i nomi propri come quello della libreria Billy. L’etichetta della creazione deriva direttamente dal suo disegnatore, Billy Likjedhal. Lo stesso marchio Ikea è in realtà un acronimo. Le iniziali sono quelle Ingvar Kamprad con l’aggiunta di Elmtaryd (la fattoria dove è cresciuto) e Agunnaryd, il villaggio nello Småland che gli ha dato i natali.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»