Napolitano: “Nei Paesi civili si va ad elezioni a scadenza naturale”

"Bisognerebbe votare a scadenza naturale o se mancano le condizioni per andare avanti", dice l'ex presidente della Repubblica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nei Paesi civili si va alle elezioni alla scadenza naturale, da noi manca ancora un anno. Bisognerebbe votare a scadenza naturale o se mancano le condizioni per andare avanti”. Così l’ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, parlando con i cronisti al Senato.

SALVINI A NAPOLITANO: IN PAESI CIVILI CHI TRADISCE POPOLO PROCESSATO

“‘Nei Paesi civili alle elezioni si va a scadenza naturale, e a noi manca ancora un anno’ afferma oggi Giorgio Napolitano. Nei Paesi civili chi tradisce il proprio Popolo viene processato, non viene mantenuto a vita come parlamentare, presidente e senatore. #napolitanovergogna“. Lo scrive su facebook Matteo Salvini, segretario Lega nord.

LA RUSSA: IN PAESI CIVILI I GOVERNI LI SCEGLIE IL POPOLO

“Ha ragione il Presidente Napolitano nel dire che in un Paese civile si va a votare a scadenza naturale ma è altrettanto vero che in un Paese civile i governi li sceglie il popolo. E in Italia questo non capita più da anni”. Lo dichiara Ignazio La Russa, deputato di Fratelli d’Italia.

MELONI: DA NAPOLITANO PAROLE VERGOGNOSE, POPOLO VUOLE VOTARE SUBITO

“Per Giorgio Napolitano nei ‘Paesi civili alle elezioni si va a scadenza naturale’. Traduzione: dopo Monti, Letta e Renzi ci teniamo fino al 2018 il quarto governo di fila non scelto dagli italiani. Vergogna! Basta con gli inciuci di palazzo, coi voltagabbana e i prestanome di qualcuno: il popolo sovrano vuole votare ora e scegliere un governo che faccia i suoi interessi #elezionisubito”. Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»