La Finanza sequestra 28 milioni di beni a un imprenditore: c’è pure ‘Fiamma nera’, la barca di Mussolini

Oltre alla pericolosità sociale, emersa grande sproporzione tra redditi dichiarati e elevato tenore di vita, probabilmente frutto di una carriera criminale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

finanzaROMA – C’è anche la “Fiamma Nera”, l’imbarcazione appartenuta a Benito Mussolini, tra i beni sequestrati ad un imprenditore, su disposizione della sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Roma.

Dagli accertamenti economico-patrimoniali delle Fiamme Gialle della Compagnia di Fiumicino, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Roma, era emersa, oltre alla sua pericolosità sociale, la grande sproporzione tra i redditi dichiarati e l’elevato tenore di vita, probabilmente frutto di una carriera criminale.

LA BARCA – Il nome originario dell’imbarcazione, varata nel 1912, era ‘Konigin 2’. Venne robattezzata ‘Fiamma nera’ dal gerarca fascista Alessandro Parisi Nobile, che l’aveva acquistata nel 1935. Fu lui a prestarla al Duce per gli incontri clandestini con Claretta Petacci. Dopo l’8 settembre del 1943 la barca venne fatta affondare davanti al golfo di Rapallo. Sui fondali restò sino a quando, nel dopoguerra, venne recuperata e restaurata, cambiando diversi proprietari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»