Autostrade, Di Maio: “Via a revoca concessioni ai Benetton. Giusto che perdano i profitti”

"È giusto che i Benetton perdano i profitti perchè non hanno fatto il loro dovere per manutenere quel ponte e non solo quello", dice Di Maio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nel decreto Milleproproghe abbiamo inserito la norma sulle concessioni autostradali. Questo decreto dice finalmente che si avvia un percorso per alcune infrastrutture che ci permetterà di revocare le concessioni ai Benetton“. Lo ha detto il capo politico del M5S Luigi Di Maio in una diretta facebook.

“Tutti si sono scandalizzati perché quando il decreto è stato messo in Gazzetta è crollato il titolo in borsa Di Atlantia, ma quelli che si scandalizzano non lo ha fatto allo stesso modo quando è crollato il Ponte Morandi. Qui c’è un tema veramente assurdo: è crollato il ponte Morandi ma non si sa di chi è la colpa, invece chi doveva fare la manutenzione erano i Benetton, e adesso ogni cosa che dici sulle concessioni è diventato un attentato al titolo in borsa di Atlantia”, ha aggiunto il ministro degli Esteri.

LEGGI ANCHE: Toti: Liguria unica vittima guerra in corso tra Governo e Autostrade

“GIUSTO CHE BENETTON PERDANO I PROFITTI”

Con la revoca delle concessioni ad Autostrade “si perdono i profitti dei Benetton, ed è giusto perché con la loro azienda Autostrade per l’Italia non hanno fatto il loro dovere per manutenere quel ponte e non solo quello”, ha detto ancora Di Maio in diretta facebook. “La retorica che si perdono i posti di lavoro è una sciocchezza” perché “i dipendenti avranno il passaggio di cantiere”, ha aggiunto il ministro degli Esteri.

LEGGI ANCHE: Autostrade, Di Maio: “Lettera di Benetton surreale, via concessioni”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»