Vicini a Fabio Scionti, la ndrangheta non vincerà

L’ennesima intimidazione al sindaco di Taurianova, Fabio Scionti, nello stesso momento in cui, grazie all’azione efficace e determinata dello Stato vengono assicurati alla giustizia pericolosi boss latitanti, rappresenta plasticamente la portata della lotta che si sta conducendo in Calabria contro la ‘ndrangheta.

Una lotta senza quartiere che deve essere condotta innanzitutto sui territori, restando uniti e vicini ai rappresentanti dello Stato, sindaci ed amministratori innanzitutto, che speso rappresentano la prima linea per la garanzia dei principi fondamentali della legalità e della democrazia.

Fabio Scionti è un sindaco coraggioso che sta facendo il suo dovere.

A lui e alla sua famiglia, all’intera comunità di Taurianova ma anche a  chi cerca di intimidirlo ed isolarlo oggi diciamo con fermezza che non resterà solo.

Come Commissione parlamentare antimafia e con la sua presidente, on. Rosy Bindi, abbiamo già attivato le misure di nostra competenza per tenere i riflettori accesi su Taurianova e su quanto è accaduto. Lo stesso sta facendo il Governo.

Agli organi inquirenti e alle forze dell’ordine deve essere assicurato il massimo sostegno affinché si faccia al più presto piena luce su autori e mandanti di una intimidazione che, per la sua stessa natura drammaticamente violenta, fa pensare ad interessi particolarmente forti della criminalità che l’azione di Fabio Scionti potrebbe aver messo in discussione.

On. Enza Bruno Bossio

05 settembre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988